Aprono Courmayeur, La Thuile e Gressoney, niente da fare per Pila: ecco dove si scia da sabato

La neve caduta nelle ultime ore ha evitato, quasi per tutti i comprensori, l’abituale rinvio dell’apertura stagionale delle piste diventato una costante negli ultimi anni, vista la scarsità di precipitazioni nel mese di novembre.
La Thuile (foto archivio)
Società

La neve caduta nelle ultime ore ha evitato, quasi per tutti i comprensori, l’abituale rinvio dell’apertura stagionale delle piste diventato pressoché inevitabile negli ultimi anni, vista la scarsità di precipitazioni nel mese di novembre.

A La Thuile un "assaggio" low cost
L’inizio della stagione invernale a La Thuile è confermato per il primo dicembre, anche se in maniera parziale. Gli impianti attivi saranno la Telecabina DMC, che dal Planibel arriva a Les Suches; le Seggiovie Chaz Dura Express e Chalet Express, che con la Sciovia Gran Testa permetteranno di scendere sulle piste 9 – Chaz Dura, 10 – Gran Testa, 11 – Boulevard, 12 – Piloni, 14 – Terres Noires, 20 – Promenade. In questa primi giorni, il giornaliero costerà solo 20 euro. I prezzi potranno aumentare in relazione alle progressive aperture degli impianti e delle piste, previste, meteo permettendo, per la settimana successiva.

Cervinia e Valtournenche
Da sabato 1° dicembre apriranno gli impianti di Valtournenche e il collegamento con Cervinia, dove si scia già dal 13 ottobre scorso. Saranno in funzione, nell’area ski di Valtournenche, le seggiovie “Motta”, “Bec Carré” “ Du Col” e lo skilift “Gran Sometta”. A Cervinia, oltre alla seggiovia Goillet e all’area ski di Plan Maison, saranno aperte le piste di rientro in paese, rispettivamente la pista del “ventina” e la pista “5” da Plan Maison per un totale di 80 km di piste. Ottime le condizioni di innevamento: 65 cm in Cervinia paese, 130 cm a Plan Maison e 240 cm a Plateau Rosà. Skipass giornaliero nazionale 37 euro.

Courmayeur, apre la parte alta 
Anche gli impianti della Courmayeur Mont Blanc Funivie apriranno sabato 1 dicembre. Gli amanti dello sci potranno godere della parte alta del comprensorio sul versante Checrouit perfettamente innevato, raggiungibile con la funivia Courmayeur. Durante il week-end la tariffa promozionale del giornaliero è 22 euro.

Monterosaski, piste aperte a Gressoney e Val d’Ayas
Partenza confermata anche per quanto riguarda comprensorio della Monterosaski, ed in particolare le zone di Frachey e Gressoney-La-Trinité (area di Stafal), collegate tra loro. Alagna conferma l’apertura del 6 dicembre; Gressoney-Saint-Jean e Brusson, condizioni di innevamento permettendo, apriranno le piste il 7 dicembre. A Punta Jolanda (Gressoney-La-Trinité) e ad Antagnod (Ayas) i tecnici stanno lavorando per completare l’innevamento, contando sulle temperature rigide, finalmente previste per i prossimi giorni. Per consentire la lavorazione della neve, la messa in sicurezza e la preparazione di tutti i tracciati del comprensorio, la zona di Frachey, in Val d’Ayas, rimarrà aperta sabato 1 e domenica 2 e chiuderà per gli interventi dei tecnici nei giorni successivi, a partire da lunedì 3 dicembre. Viceversa, le piste e gli impianti di Champoluc paese, zona Crest, rimarranno chiusi sabato 1 e domenica 2, per poi aprire al pubblico lunedì 3 dicembre.

Pila rimanda tutto al 6 dicembre
Niente da fare, invece, per Pila. Nonostante sulle piste siano caduti tra i 40 e i 60 cm di neve, la società ha deciso di fare le cose per bene e di prendersi ancora qualche giorno per sistemare la parte bassa del comprensorio con l’innevamento artificiale e poi precedere alla battitura delle piste. L’apertura quindi è nuovamente rinviata al prossimo 6 dicembre. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte