Arcigay Queer VdA sollecita la Sovrintendenza agli Studi per la carriera alias nelle scuole

Il 2 maggio scorso, dice l’Associazione, era stata inviata alla sovrintendente Marina Fey una richiesta per costituire le carriere alias nelle scuole. Non avendo ottenuto risposta, oggi spiega: "Vogliamo chiedere notizie e aggiornamenti rispetto alla nostra proposta".
aosta pride @luca maledet
Società

Arcigay Valle d’Aosta Queer Vda, in una nota, “chiede notizie e aggiornamenti alla Sovrintendenza degli Studi della Regione Autonoma Valle d’Aosta rispetto alla richiesta della costituzione della carriera alias nelle scuole, inviata a maggio 2023”.

Il 2 maggio scorso, dice l’Associazione, “avevamo inviato una richiesta, indirizzata alla Sovrintendenza degli Studi e a tutti e tutte le dirigenti delle Istituzioni scolastiche valdostane, per costituire le carriere alias nelle scuole. La sovrintendente agli studi, Marina Fey, aveva risposto attraverso la stampa, ma non direttamente a noi, sostenendo – come riportato dai giornali – che ‘il tema dell’identità di genere e tutto quello che ne consegue è un argomento molto delicato che va affrontato prendendosi del tempo e facendo dovuti approfondimenti’. Aveva inoltre dichiarato: ‘Credo che un tema così delicato abbia bisogno di un confronto aperto, con qualche professionista o qualcuno dell’associazione con cui confrontarci, con l’assessore’.

“Settembre è iniziato e, con settembre, è iniziata l’attività scolastica – prosegue Arcigay –. La Sovrintendente, sempre ai giornali, aveva dichiarato che ‘a chiusura di anno scolastico mi sembra improbabile intervenire, ma è possibile aprire un discorso in prospettiva per il prossimo anno visto che la scuola è comunque promotrice di attività di sensibilizzazione su vari temi’. Aveva ipotizzato, inoltre, che ‘magari già nella conferenza di servizi di metà maggio con i dirigenti scolastici ci può essere una riflessione per affrontare il tema facendo attenzione a non chiudere le porte a nessuno, a tutelare i ragazzi e le famiglie’”.

Maggio è passato “e nel frattempo, pur avendo dichiarato, nella lettera, la nostra piena disponibilità, come associazione, a collaborare e lavorare assieme per questo obiettivo, e pur avendo inviato, a supporto della nostra richiesta, il regolamento sulla carriera alias redatto dalle associazioni AGEDO e GenderLens, rileviamo amaramente che non abbiamo mai ricevuto nessuna risposta né nessun contatto per approfondire la questione”.

Per questo, scrive ancora l’Associazione, “vogliamo chiedere alla Sovrintendente notizie e aggiornamenti rispetto alla nostra proposta di costituire le carriere alias nelle scuole valdostane, come sta accadendo in molti altri luoghi dell’Italia, perché riteniamo che sia arrivato il momento di garantire, all’interno delle scuole, delle misure per il benessere personale e privato delle persone, offrendo l’occasione di scoprire l’umanità nelle sue molteplici e sane varianze di identità, con ogni diritto di espressione, riconoscimento e rispetto, in risposta alla complessità e fluidità della realtà circostante. Bisogna mettere al centro un agire scolastico e un sapere critico allo scopo di formare una società non sessista, rispettosa e consapevole”.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte