CASA CIRCONDARIALE DI BRISSOGNE : I DETENUTI HANNO AVVIATO LO SCIOPERO DELLA FAME

La quasi totalità dei 270 detenuti presenti presso la Casa circondariale di Brissogne da oggi è in sciopero della fame. La decisione di astenersi dal vitto è stata assunta in risposta all'invito che l'on. Marco Pannella, dagli...
Società

La quasi totalità dei 270 detenuti presenti presso la Casa circondariale di Brissogne da oggi è in sciopero della fame. La decisione di astenersi dal vitto è stata assunta in risposta all’invito che l’on. Marco Pannella, dagli studi di Radio Radicale, ha lanciato a tutti i detenuti reclusi nelle carceri italiane. Obiettivo della iniziativa: sollecitare il Parlamento italiano a prendere una decisione sull’emanazione di provvedimenti, come l’amnistia o l’indulto, a favore della popolazione carceraria.

?Venuti a conoscenza di questa iniziativa – spiega Piero Squarzino, presidente dell’AVVC (Associazione Valdostana Volontariato Carcerario) – vogliamo darne diffusione perché anche la comunità valdostana ne sia messa a conoscenza. Vogliamo poi ricordare che sono ormai 6 anni che questi provvedimenti, nonostante da molti invocati, non sono discussi e portati avanti in Parlamento. Noi come associazione chiediamo, in particolare, che il Parlamento italiano assuma una decisione chiara e definitiva su amnistia e indulto anche per mettere fine a questa fase di promesse fatte e mai mantenute?.

L’AVVC opera in Valle d’Aosta dal 1983 offrendo assistenza e ascolto alle persone detenute nella casa circondariale di Brissogne. Attualmente sono 15 i volontari che settimanalmente fanno il loro ingresso in carcere per svolgere servizi diversi che vanno dalla distribuzione del vestiario, ai colloqui individuali, dall’attività di istruzione al riordino della biblioteca.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati