Società di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 10 Aprile 2021 11:10

Coronavirus, la Valle resterà in “zona rossa” anche la prossima settimana

Aosta - L’ufficialità è arrivata nel tardo pomeriggio di oggi, a seguito del monitoraggio settimanale della Cabina di regia istituita dal Ministero della Salute. Lunedì 12 aprile, il Presidente Erik Lavevaz firmerà una nuova ordinanza prorogare le misure dello scorso 6 aprile.

Tutta mia la cittàVia De Tillier - Foto di Massimiliano Riccio

La Valle d’Aosta, come previsto, rimane ancora in “zona rossa”. L’ufficialità è arrivata nel tardo pomeriggio di oggi, con la Presidenza della Regione ad informare che “sulla base dei dati relativi al contagio Covid-19 sul territorio regionale e a seguito del monitoraggio settimanale effettuato da parte della Cabina di regia istituita dal Ministero della Salute, per la Valle d’Aosta viene confermata la classificazione in zona rossa anche per la prossima settimana”.

Su tutto il territorio regionale – prosegue la nota – dovranno essere dunque adottate le misure di contenimento del contagio previste nel DPCM 2 marzo 2021 e nel decreto-legge 44 del 1° aprile 2021, emanato dal Consiglio dei Ministri.

Nella giornata di lunedì 12 aprile, il Presidente della Regione Erik Lavevaz firmerà invece una nuova ordinanza per la proroga delle misure poste in essere il 6 aprile.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo