Covid, la “stretta” del Governo fa tremare il Marché Vert Noël

A poco più di un mese dall'apertura, il Marché rischia di chiudere dopo le ultime disposizioni da Roma. In attesa del decreto-legge, gli Uffici comunali stanno valutando le ipotesi, soprattutto sulla possibilità di utilizzo della mascherina Ffp2 per scongiurare la chiusura. Il Capodanno ad Aosta, invece, dovrebbe essere al sicuro.
Marché Vert Noël
Società

Dopo la stretta di Natale, con le nuove misure anti Covid annunciate ieri sera dal Governo Draghi, non “trema” solo la Fiera di Sant’Orso.

Le parole scritte nero su bianco sul comunicato stampa del Consiglio dei Ministri lasciano spazio a molte incognite: “È stato stabilito che fino al 31 gennaio 2022 sono vietati gli eventi, le feste e i concerti, comunque denominati, che implichino assembramenti in spazi all’aperto”.

E, nel turbine, potrebbe finirci il Marché Vert Noël, che rischia di chiudere i battenti a poco più di un mese dall’apertura.

“In questo momento gli Uffici stanno facendo una serie di valutazioni – spiega il Sindaco di Aosta Gianni Nuti che come molti altri amministratori, anche a Palazzo regionale, vorrebbe avere il decreto-legge in mano per capirne a fondo i contorni –. Se si accettano le mascherine Ffp2 nei luoghi chiusi e senza posti a sedere, il Marché Vert Noël, piuttosto con l’obbligo di utilizzare queste mascherine più protettive, sarebbe comunque più sicuro. Chiudere la manifestazione non vorrei, perché sarebbe una débâcle”.

Problemi che non dovrebbero toccare invece – ma il condizionale è d’obbligo – il Capodanno ad Aosta. Dice Nuti: “Rispetto al decreto il Capodanno era già stato pensato con tutte le misure precauzionali. Non ci sono eventi che possono creare assembramenti, solo una manifestazione di luci e proiezioni in piazza Chanoux dalle 18 alle 1. Non è un evento stanziale, è stato pensato come un modo diverso di ‘abitare’ la piazza, di passaggio e senza fermarsi”.

Anche gli appuntamenti in musica, gli Avion Travel allo Splendor e il doppio evento in Cittadella, non sembrano a rischio: “I concerti sono al chiuso – aggiunge il Sindaco –, quindi disporremo l’obbligo di mascherina FFp2 come da decreto. Piuttosto ce ne procureremo un po’ noi, come Comune, per munire gli ‘sbadati’ che si dovessero presentare a teatro senza. C’è comunque la soddisfazione per aver pianificato questa cosa in modo preventivo. Ci abbiamo pensato a fondo e concordato con il Questore, un’interlocuzione seria e prudente per creare comunque qualcosa ad Aosta, dopo il vuoto dello scorso Capodanno”.

Una risposta

  1. bisogna chiudere subito tutto altro che mercatini o fiera di sant’orso….è a rischio il genere umano …siamo in completo stato di emergenza con dati allarmanti 10% di terapie intensive occupate ..persone che muoiono come mosche….e per fortuna esiste il VACCINO miracoloso , il GP RAFFORZATO , il GP BASE …MAH ……Buona vita a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società