Dall’associazione Alice una guida per badanti in caso di ictus

“In Valle d'Aosta la maggior parte delle badanti sono straniere e in prevalenza latino americane - ha spiegato la presidente, Lorella Zani – ma è già previsto che se ne stampino altre in lingua araba, russa e romena”.
Il neo direttivo di Alice
Società

Una mini guida aiuterà le badanti straniere a seguire una corretta procedura nel caso in cui un ictus colpisca la persona anziana che assistono. La pubblicazione, in lingua spagnola, è stata presentata ieri dall’associazione di volontariato Alice. “In Valle d’Aosta la maggior parte delle badanti sono straniere e in prevalenza latino americane – ha spiegato la presidente, Lorella Zani – ma è già previsto che se ne stampino altre in lingua araba, russa e romena”.

I dati in possesso dell’associazione onlus Uniendo Raices evidenziano inoltre che la comunità latino americana, presente ad Aosta, è di circa 700 unità oltre un terzo delle quali (circa 200) proviene dalla Repubblica Dominicana. Circa il 60% delle donne, che sono quasi 500, svolge attività di badante. Percentualmente la comunità maggiormente impegnata nell’assistenza alla persona è quella peruviana con il 95% dei 120 residenti in città.

Secondo Giuseppe D’Alessandro, fondatore di Alice e medico neurologico, l’iniziativa rappresenta “un intervento tempestivo che consente di limitare i danni”. D’Alessandro ha poi evidenziato che, “stili di vita più corretti, l’attività di sensibilizzazione svolta da Alice, il miglioramento dell’assistenza medica e la scoperta di nuovi farmaci hanno consentito di ridurre la mortalità da ictus che, comunque, rimane la prima causa di morte”.

In Valle d’Aosta, i ricoveri ospedalieri per ictus sono scesi dai 318 del 2001 ai 232 del 2010, mentre i casi di mortalità sono passati da 168 del 2000 ai 120 del 2009.

“E’ importante avere conoscenza dell’importanza della prevenzione – ha aggiunto Marco Sorbara, assessore alle politiche sociali del Comune di Aosta – ma è anche necessario avere padronanza dei comportamenti da tenere in caso di emergenza. Per questo, l’Assessorato in collaborazione di Alice ha avviato una serie d’incontri sul territorio comunale, che si concluderanno a febbraio, proprio per avvicinare i cittadini ad una problematica cosi importante”. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte