Déhors, il regolamento approvato senza modifiche dell’ultima ora

L'assessore Borrello ha replicato ai commercianti: “Siamo stati aperti al dialogo venendo incontro il più possibile alle loro esigenze durante tutto l’iter e fino all’ultimo abbiamo rispettato l’impegno di valutare le loro richieste”.
Società

Il nuovo regolamento sui déhors, approvato dalla seconda Commissione consiliare nei giorni scorsi e fortemente contestato da Confcommercio e Confesercenti, passa l’esame in Consiglio comunale con 27 voti a favore e 1 astenuto (Momigliano Levi). E lo fa senza modifiche dell’ultima ora.

“Con il nuovo testo il Comune favorisce la desertificazione turistica e sociale di Aosta, una città già abbandonata a se stessa dove il disordine urbanistico regna sovrano”, avevano sottolineato le due associazioni accusando l’Assessore Borrello di non aver accolto le proposte avanzate e chiedendo alla “maggioranza di ripensarci e di modificare in aula il testo”.

“Non abbiamo risposto ai comunicati stampa inviati da alcune associazioni di categoria negli ultimi giorni – ha replicato Borrello prima di presentare nel dettaglio il regolamento – perché non abbiamo interesse ad alimentare ulteriori polemiche. Siamo stati aperti al dialogo venendo incontro il più possibile alle loro esigenze durante tutto l’iter e fino all’ultimo abbiamo rispettato l’impegno di valutare le loro richieste: delle ultime otto presentate, tre di queste sono state accolte, due erano già presenti nel testo mentre le restanti non sono state accolte perché in contrasto con le normative vigenti”.

“Una volta entrato in vigore – ha aggiunto Borrello – valuteremo se apportare ulteriori modifiche a questo testo che, vorrei sottolineare ancora una volta, serve a regolamentare situazioni in tutto il territorio della città di Aosta e non solo del centro storico, tenendo conto non solo dei commercianti, ma di tutti i cittadini”.

Tutti d’accordo, quindi, salvo Momigliano Levi. “Le spiegazioni dell’assessore Borrello mi hanno convinto al 97% – ha dichiarato – ma quel 3% m’impone l’astensione”. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte