Società di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 9 Luglio 2020 16:27

Donati al “Parini” sei nuovi elettrocardiografi portatili

Aosta - Quattro sono stati donati da Confindustria Valle d’Aosta sezione Edile e due dall’Ente Paritetico Edile della Valle d’Aosta, per supportare l’attività nel periodo di emergenza Covid-19. Il valore complessivo dei macchinari è di circa 30mila euro.

Gli elettrocardiografi donati al "Parini"Gli elettrocardiografi donati al "Parini"

La Struttura complessa di Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza dell’Ospedale “Umberto Parini” di Aosta ha ricevuto in donazione sei elettrocardiografi, quattro dei quali da parte di Confindustria Valle d’Aosta sezione Edile e due dall’Ente Paritetico Edile della Valle d’Aosta, per supportare l’attività nel periodo di emergenza Covid-19.

Si tratta – fa sapere l’Azienda Usl – di elettrocardiografi ELI 280 touchscreen portatili a 12 canali con tecnologia digitale e connessione wireless prodotti dalla Mortara Instrument Europe, del valore complessivo di circa 30mila euro.

“Questi elettrocardiografi portatili compatti e leggeri – spiega il dottor Stefano Podio, Direttore della Struttura – sono fondamentali in ambienti quali il Triage e i box visita del Pronto Soccorso e nelle degenze dell’Osservazione Breve Intensiva e della Terapia Semi Intensiva di Medicina d’Urgenza che richiedono l’esecuzione di un numero elevato di elettrocardiogrammi. L’acquisizione queste nuove apparecchiature tramite questa generosa donazione è molto importante perché si tratta di elettrocardiografi di gamma elevata che consentono l’effettuazione di ECG di qualità e l’integrazione dei dati con le cartelle cliniche del Pronto Soccorso e dell’OBI-Medicina d’Urgenza”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>