Eventi, storia, cultura e identità: Aosta sigla un patto con la Cogne Acciai Speciali

La collaborazione tra i due enti, attraverso la convenzione che sarà stipulata nei prossimi giorni, prevede anche la costituzione di un tavolo bilaterale di confronto nel quale condividere azioni comuni di rilevanza sociale, culturale e storica utili a consolidare e sviluppare il tessuto urbano.
Cogne Acciai Speciali
Società

Legare a doppia mandata la città di Aosta e la Cogne Acciai Speciali, in un “patto” reciproco per crescita – anche della consapevolezza storica – del Capoluogo e della sua storica fabbrica.

Nel corso dell’ultima seduta, la Giunta comunale ha infatti approvato la bozza di convenzione con la società Cogne Acciai Speciali per promuovere congiuntamente “azioni di responsabilità sociale d’impresa per favorire la crescita di un welfare condiviso della società attiva a supporto delle politiche culturali, di inclusione, di integrazione e di coesione sociale, anche in collaborazione con altri Enti pubblici, imprese, organizzazioni del Terzo settore ed enti di ricerca”.

Gli obiettivi della convenzione

La convenzione tra Aosta e lo stabilimento delinea diversi obiettivi/ambiti d’azione:

  • la riqualificazione di tipo urbanistico e architettonico che impattino sull’immagine della città e la sua vivibilità assicurando coerenza estetica, accessibilità, funzionalità e sostenibilità ambientale;
  • la diffusione di una cultura della conoscenza scientifica e ambientale legata alle attività poste in essere dalla Cogne
  • la condivisione di documentazione e materiale informativo sulla storia delle acciaierie Cogne, del quartiere operaio, dello sviluppo urbano correlato con quello della fabbrica a partire dalle sue origini;
  • la costruzione e messa in posa di installazioni e oggetti di animazione di quartiere;
  • la organizzazione di esposizioni fotografiche, artistiche e storiche co-organizzate in aree strategiche della città, anche in zone periferiche avvalendosi di spazi aperti, pubblici e accessibili, o di locazioni pubbliche o private ritenute idonee per trasformarsi in spazi espositivi;
  • l’organizzazione di conferenze, iniziative promozionali e informative di valore storico-culturale, anche per via telematica;
  • il coordinamento delle strategie comunicative correlate agli eventi organizzati congiuntamente;
  • la definizione degli strumenti di monitoraggio e di valutazione dei processi messi in atto dalle parti.

Il quadro della collaborazione intrapresa tra i due enti attraverso la convenzione che sarà stipulata nei prossimi giorni prevede anche la costituzione di un tavolo bilaterale di confronto nel quale condividere azioni comuni di rilevanza sociale, culturale e storica utili a consolidare e sviluppare il tessuto urbano.

“La Cogne Acciai Speciali è stata, nella storia industriale italiana, un esempio tra i più significativi della siderurgia integrale prima e dell’economia circolare poi, crescendo e trasformandosi anche in relazione con l’intero tessuto urbano e paesaggistico su cui opera – spiega il sindaco di Aosta Gianni Nuti –. Questa convenzione ci permette di costituire un tavolo bilaterale di confronto nel quale condividere iniziative atte a valorizzare la storia industriale della città, arricchendone, con nuove tracce testimoniali, il tessuto urbano e rafforzandone i riferimenti identitari, anche a vantaggio delle nuove generazioni”.

“Abbiamo accolto con grande piacere l’idea del sindaco di stipulare tale accordo checommenta invece Monica Pirovano della Cas – è in linea con la sempre maggiore attenzione verso le tematiche ambientali e con gli ingenti investimenti che l’azienda sta sostenendo per favorire un’integrazione sempre più sostenibile della sua attività con il territorio della Plaine di Aosta. Per dar seguito all’iniziativa ci siamo resi disponibili a condividere documentazione e materiale informativo sulla nostra storia oltre che sul quartiere operaio, a fornire attrezzature o piccoli impianti per animare le vie o le piazze del quartiere, a contribuire all’organizzazione di esposizioni fotografiche, artistiche e storiche, nonché di iniziative promozionali e informative di valore storico-culturale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società