Società di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 16 Dicembre 2020 12:51

Ferrovia, nuovo orario e nuovi disagi per i pendolari

Aosta - Con il nuovo orario invernale è stata soppressa la fermata alla stazione di Borgofranco producendo disagi e problemi ai pendolari. I Pendolari Stanchi chiedono la sua immediata riattivazione.

Stazione di Aosta

L’adozione dal 13 dicembre del nuovo orario invernale ferroviario ha portato nuovi disagi ai pendolari. A denunciarlo in una nota è l’associazione Pendolari Stanchi che lamenta la mancata concertazione con le associazioni dei pendolari e nessuna “comunicazione tempestiva fino a venerdì 11 dicembre”.

Fra le maggiori novità introdotte, la soppressione, “ad insaputa di molti”, della stazione di Borgofranco, dove lunedì 14 dicembre si sono verificati i primi disagi ai viaggiatori.

“Il treno n. 11817 (nuova classificazione) in partenza da Ivrea alle 7.14 (nuovo orario) e arrivo previsto ad Aosta alle 8.36 (82 minuti per percorrere 67 km!) si è fermato, come le altre mattine, alla stazione di Borgofranco,   – racconta l’Associazione – ma a differenza delle altre volte, i pendolari, che attendevano in stazione non hanno potuto salire, in quanto alla stazione di Borgofranco non è più prevista alcuna fermata”. E questo nonostante il treno si sia fermato diversi minuti per attendere l’incrocio con quello proveniente da Aosta.

Inoltre “quel treno impiega, ora, 25 minuti per coprire i 17 km che separano Ivrea da Pont St. Martin, a fronte dei 14 minuti degli altri treni, proprio perché attende, a Borgofranco, l’incrocio con quello proveniente da Aosta”.

I Pendolari Stanchi sottolineano inoltre come “nella tratta da Ivrea a Pont St. Martin, che raccoglie un bacino di 10.000 abitanti, non vi sia più alcuna stazione operativa, essendo state chiuse o eliminate, negli ultimi 20 anni, quelle di Montalto Dora, Settimo/Tavagnasco e Quincinetto”.

Da qui la richiesta di ripristinare al più presto la stazione di Borgofranco, “almeno per quei treni che si devono fermare per incrociare, in modo da consentire ai pendolari la regolare fruizione”.

La questione è stata discussa ieri nel Consiglio regionale del Piemonte con un question time presentato da Alberto Avetta. Secondo quanto riferito dall’Assessore regionale ai Trasporti Marco Gabusi: “I treni sulla linea Torino-Ivrea-Aosta continueranno a fermare nelle stazioni intermedie, come Strambino, Caluso e Montanaro almeno fino a giugno e così, seppur non per tutti i treni, a Borgofranco d’Ivrea”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo