Gaby, approvato il progetto esecutivo di ricostruzione del ponte

Il progetto approvato prevede un ponte in calcestruzzo armato, con travi prefabbricate, di luce pari a 18 metri, completo di due marciapiedi che daranno continuità ai percorsi pedonali; è, inoltre, previsto il ripristino di tutte le reti dei sotto servizi.
Ponte Gaby
Società

Saranno avviati quest’inverno i lavori per la realizzazione del ponte di Gaby, il cui progetto esecutivo è stato approvato ieri dalla Giunta regionale.  L’investimento complessivo è pari a 930 mila euro.

Il ponte sulla strada regionale 44 della Valle del Lys, è crollato a seguito dell’evento alluvionale del 3 ottobre, nel centro del capoluogo di Gaby.

Il progetto approvato prevede un ponte in calcestruzzo armato, con travi prefabbricate, di luce pari a 18 metri, completo di due marciapiedi che daranno continuità ai percorsi pedonali; è, inoltre, previsto il ripristino di tutte le reti dei sotto servizi.

“In un momento di difficoltà per tutta la vallata sono fondamentali sia gli interventi che oggi abbiamo approvato, sia la velocità con i quali l’Amministrazione si sta muovendo” sottolinea l’Assessore Carlo Marzi.

L’intervento prevede, inoltre, la ricostruzione degli argini e del fondo dell’alveo del torrente Niel, danneggiati durante l’evento alluvionale, oltre che il ripristino dei luoghi interessati dalla variante provvisoria realizzata in somma urgenza, per consentire il collegamento con i comuni di Gressoney-Saint-Jean e Gressoney-La-Trinité.

Al fine di ottimizzare i tempi di realizzazione, sono già in corso i lavori per la costruzione di una berlinese con micropali, necessaria per garantire gli sbancamenti, già previsti nelle prossime settimane, al fine di realizzare le fondazioni delle spalle del ponte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società
Società