Gae: sciolta la riserva, si apre l’inclusione negli elenchi aggiuntivi per gli insegnanti di sostegno

A renderlo noto l’Assessorato all’Istruzione. L’inclusione a pieno titolo e l’inserimento negli elenchi aggiuntivi di sostegno deve avvenire attraverso la presentazione dell’apposito modulo di domanda reperibile nel sito istituzionale.
Scuola, insegnanti, alunni
Società

Dopo il decreto ministeriale del 23 giugno, è stata emanata la nota della Struttura personale scolastico della Sovraintendenza agli Studi per l’inclusione a pieno titolo, per l’anno scolastico 2020/2021, nelle graduatorie ad esaurimento (G.A.E.) della Regione degli aspiranti inclusi con riserva di conseguimento del titolo di accesso che hanno conseguito, entro il 3 luglio 2020, il titolo di abilitazione e l’inserimento negli elenchi aggiuntivi di sostegno e che, sempre entro il 3 luglio, hanno conseguito il titolo di specializzazione per il sostegno.

A renderlo noto l’Assessorato all’Istruzione. L’inclusione a pieno titolo e/o l’inserimento negli elenchi aggiuntivi di sostegno – si legge in una nota – deve avvenire esclusivamente attraverso la presentazione dell’apposito modulo di domanda reperibile nel sito istituzionale www.scuole.vda.it (Docenti – Graduatorie ad esaurimento – 2019/2020-2020/2021-2021-2022).

La stessa nota detta, inoltre, le disposizioni per la presentazione delle domande per l’inserimento negli elenchi dei beneficiari del diritto alla riserva di posti attraverso il modello 3, reperibile sempre nello stesso sito web.

Le domande dovranno essere inviate tramite PEC all’indirizzo mail istruzione@pec.regione.vda.it, – ovvero tramite mail istituzionale (….@mail.scuole.vda.it) – o, per coloro che ne fossero sprovvisti, tramite mail ordinaria all’indirizzo PEI personale.scolastico@regione.vda.it, entro e non oltre il 13 luglio 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società