I Maestri di sci tornano in pista: “Sarà una stagione fondamentale”

A dirlo è Beppe Cuc, presidente dell’Associazione valdostana Maestri di sci durante l'Assemblea delle “giacche rosse”, ieri allo Splendor. Tra le novità il ritorno del progetto "Sci… volare" per i più piccoli e l'apertura di una scuola di sci di fondo a Saint-Barthélemy.
L'Assemblea 2021 dei Maestri di sci
Società

“Questa Assemblea è diversa. Rappresenta un po’ una ripartenza e ci permette di guardare il futuro con un minimo di fiducia”.

A dirlo è Beppe Cuc, presidente dell’Associazione valdostana Maestri di sci. Emozionato, mentre guarda davanti a sé il Teatro Splendor di Aosta colorarsi di “giacche rosse” giovani e meno giovani, dopo lo stop forzato dello scorso anno. 

“Quella scorsa è stata un’annata terribile, abbiamo avuto perdite immani, con un impatto psicologico devastante – prosegue Cuc -. Abbiamo subito i continui stop and go e la pandemia ha messo tutti nella condizione di navigare un po’ vista. Questa sarà una stagione fondamentale”.

Qualche spiraglio si è aperto anche dal lavoro fatto oltre le piste da sci: “Siamo partiti con un negoziato per un accordo economico, un percorso non agevole perché le categorie da supportare erano molte, praticamente tutte – prosegue il Presidente -. Abbiamo avuto la fortuna che sia stato approvato il decreto Montagna. Molte altre categorie si sono lamentate, anche perché il panorama del ‘settore montagna’ rappresenta tantissime persone. Abbiamo avuto però il sostegno di tutte le forze politiche”.

La struttura messa in piedi per i pagamenti, però, ha funzionato: “Chi fa davvero l’attività di Maestro di sci ha potuto avere un contributo importante. Avere la piattaforma in gestione ci ha permesso di essere veloci e di dare il via ai bonifici il 24 ottobre”.

Rivolgendosi alla Regione, Cuc mette sul tavolo una richiesta per aumentare l’offerta turistica e le possibilità occupazionali delle “giacche rosse” valdostane: “Chiedo che si vada avanti lavorando per istituire l’accompagnatore di media montagna, anche per i tanti giovani che fanno un mestiere che ormai dura sempre meno. Potrebbe essere una figura importante per lavorare anche in estate e tenere i ragazzi legati al nostro territorio. Sono mestieri che fanno parte del Dna di noi montanari”.

Poi, la questione sicurezza, non secondaria in tempi di Covid: “Dobbiamo ripartire con le dovute cautele, rispettando le regole – raccomanda il Presidente -. Insieme possiamo e dobbiamo fare squadra, aiutarci l’un l’altro, con l’obiettivo di tornare a sciare e lavorare. Abbiamo messo in piedi una serie di linee guida sul sito dell’Associazione, con un vademecum di comportamento per tutti i Maestri di Sci”.

Apre la Scuola di sci di Saint-Barthélemy

Tra le novità, Cuc ne annuncia una in particolare: la nuova scuola di sci di fondo di Saint-Barthélemy.

“È un posto bellissimo dove una scuola era davvero importante – dice il Presidente dei Maestri di sci -. Saint-Barthélemy sarà conosciuta non solo per le stelle dell’Osservatorio, ma si può far fare un ulteriore salto di qualità a questa splendida località”.

Torna il progetto “Sci… volare”

Tra le novità anche un gradito ritorno: “Quest’anno è ripartito anche il progetto Sci… volare, messo in piedi due anni fa – chiude Cuc -. Sono cominciate le lezioni in aula con i bambini che non hanno mai sciato.Il progetto parte con finanziamento della Regione, ma senza il prezioso lavoro dei direttori di scuola non sarebbe stato possibile”.

Il bilancio

In questi mesi le attività dell’Associazione Maestri Sci si sono svolte senza rallentamenti. Corsi di formazione, in pista e in aula, sono infatti proseguiti per tutta l’estate, così come gli aggiornamenti triennali obbligatori.

Durante l’assemblea il presidente del Collegio dei Revisori dei Conti, Giacomo Biancardi, ha presentato il bilancio preventivo dell’Associazione che, per l’anno 2022, pareggia a 1 milione 764mila 149 euro, approvato all’unanimità dai presenti. 

Le premiazioni

Maestri di sci con trent’anni di servizio – (1990 – 2020)

Giuseppe Abruzzini, Fabio Adorni, Gianpaolo Agnelli, Cristiano Blanchet, Roberta Cannatà, Paolo Celesia, Mauro Cevolo, Corrado Chatillard, Guglielmo Commod, Lorenzo Cugnod, Aldo Deffeyes, Stefano Festa, Simon James Hancock, Sabrina Merlet, Norberto Naummi, Paolo Nieroz, Federico Parini, Mirko Pellicone, Lorella Pellissier, Andrea Perron, Marco Petey, Diego Prot, Giovanni Rezzoli, Roberto Rua, Carla Ruggiero, Alessandro Viérin e Matteo Zanetti.

Maestri di sci alpino con 30 anni di servizio – (1991-2021)

Marco Accordi, Cristina Bisson, Massimiliano Bosio, Gilda Chentre, Valeria Ducler, Mauro Angelo Faita, Davide Paolo Franco, Enrico Gex, Gianni Grange, Nicola Jordan, Piero Jordan, Guido Letey, Carla Maquignaz, Marie Ange Maquignaz, Nicola Marchiando, Claudia Merlet, Andrea Momi, Minnie Momi, Marco Mosso, Andrea Murari, Cristina Napoli, Alessandro Patalani, Luigi Perron, Davide Proietti, Massimiliano Rossi, Edy Ruffier, Luca Sbrighi e Giulio Antonio Zanardi.

Maestri di sci di fondo con 30 anni di servizio

Rosella Brulard e Bruna Cavagnet (1990-2020); Bruno Bérard, Guido Fornero, Stefano Ghisafi, Arturo Laurent, Barbara Ranghino e Lucrezia Savin (1991-2021).

Diplomi neo Maestri di sci alpino – anno 2020

Flavio Abruzzini, Gaia Aglietta, Asia Allera, Leonardo Balbi, Gioia Battaglini, Henri Battilani, Marco Bellocchio, Gilbert Borney, Martina Bottan, Lorenzo Bozzato, Francesca Bronsino, Raphael Buchan, Lorenzo Calandrina, Wendy Cappelletti, Thierry Carrel, Matteo Casiraghi, Marco Cavalieri, Federico Chiodo, Giovanni Chiolini, Jean Claude Daudry, Massimo Donelli, Emanuele Rodolfo, Jasmine Fiorano, Erik Gelcich, Julien Gens, Federica Grange, Gaia Grange, Amelie Guidetti, Giacomo Henry, Eleonora Isidori, Julien Jammaron Perrod, Maria Sole Lami, Brando Maria Locatelli, Nicolò Marino, Alessandro Martino Milanesi, François Moretti, Gregorio Mungai, Martina Nobis, Federico Pallais, Matilde Pettiti, Jean-René Pola, Anais Quendoz, Alanis Revil, Michel Revil, Sylvie Revil, Anais Rey, Angelica Rizzi, Filippo Rosaschino, Gabriel Scarfò, Matteo Antonio Segala, Petra Smaldore, Mattia Stacchetti, Chiara Stevenin, Francesco Maria Torno, Federico Vietti, Giorgia Viglianco e Pietro Zazzi.

Diplomi neo Maestri di sci di fondo – anno 2021

Manuel Abram, Elisa Arlian, Didier Artaz, Lucia Bellini, Jerome Bianquin, Matthieu Bianquin, Martina Blanchet, Alexa Borettaz, Thierry Brunier, Nicola Carrel, Federica Cassol, Martina Cassol, Fabien Champretavy, Didier Dario Chanoine, Jacques Lino Chanoine, Matteo Chenal, Thierry Chenal, Mattia Communod, Arianna Cossard, Nicola Doveri, Michael Durand, Ambra Fosson, Noemi Glarey, Kevin Gontel, Nicole Gontier, Andrea Gorret, Daniel Grappein, Emile Guidetti, Amalia Laurent, Alessandro Longo, Jean Baptiste Maquignaz, Mattia Nicase, Michele Peccoz, Jean Luc Perron, Arnaud Perruquet, Nicole Porliod, Alberto Rabellino Bethaz, Andrea Restano, Davide Santarelli, Laura Sciarpa, Lorenzo Sciarpa, Valerio Sorteni, Nehuen Truc, Mathieu Turcotti Bonin, Fausto Vassoney, Raphael Vauterin, Coralie Vicari, Martina Vignaroli e Matteo Villani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società