Il Csv cambia casa, addio agli storici locali di via Xavier de Maistre

Entro la fine dell’anno il Csv lascerà i locali ad Aosta che ospitano da oltre vent’anni gli uffici e la sede di 56 organizzazioni di volontariato valdostane. Il motivo sono i costi della sede troppo alti, che ammontano a 100mila euro l'anno. La nuova sede del Centro saranno è stata individuata in via Saint-Martin-de-Corléans.
La sede del Csv in via Xavier de Maistre
Società

Con una prima riunione tra il direttivo e le organizzazioni di volontariato, del 5 settembre, ha preso ufficialmente il via il percorso per il trasferimento della sede del Csv di Aosta, meglio conosciuta come “Casa del volontariato”. Entro la fine dell’anno il Centro lascerà i locali di via Xavier de Maistre, ad Aosta, che ospitano da oltre vent’anni gli uffici dello staff e la sede di 56 organizzazioni di volontariato valdostane.

“Siamo di fronte ad una scelta obbligata’ – ha spiegato il presidente Claudio Latino durante l’incontro –. Dopo che le cooperative sociali, che con noi in questi anni hanno condiviso gli spazi e i costi di questa struttura, ci hanno comunicato il loro prossimo trasferimento. Per il solo mondo del volontariato i costi di questa sede sono troppo alti – parliamo di 100mila euro complessivi all’anno – a fronte di un calo progressivo dei finanziamenti destinati ai Csv in Italia. In alternativa ci vedremmo costretti ad azzerare le attività e i servizi a favore delle associazioni, venendo meno alla nostra stessa mission che ci impone di sostenere e affiancare il volontariato”.

Il percorso avviato per questo cambio è complesso poiché coinvolge, oltre agli uffici del Csv, anche le 56 associazioni che hanno la loro sede legale in via Xavier de Maistre. La decisione dovrà poi essere avvallata definitivamente in un’assemblea straordinaria del Csv che sarà convocata ad ottobre.

I nuovi locali individuati si trovano in via Saint-Martin-de-Corléans, in quella che per anni è stata la sede di un istituto bancario. “La location individuata, dopo diversi sopralluoghi, consente di riprodurre, seppur in piccolo, la situazione attuale: oltre agli uffici dello staff, saranno allestite postazioni di lavoro per i volontari e sale utilizzabili per riunioni, formazioni e incontri”, ha spiegato ancora Latino.

“È un passaggio intermedio molto delicato e strategico che stiamo facendo con un fattivo coinvolgimento di ogni singola Associazione – chiude il presidente –. La soluzione che abbiamo individuato, rivolgendoci al mercato, è di tipo emergenziale: nel medio periodo il Csv continuerà a lavorare in sinergia con le istituzioni per dare in futuro al volontariato una vera e propria Casa’  che sia un luogo di ritrovo e di incontro, e che possa valorizzare e  sottolineare la dignità del lavoro quotidiano svolto per l’intera comunità valdostana da parte delle oltre duecento Associazioni di Volontariato/Promozione Sociale  presenti sul territorio regionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte