La Valle d’Aosta vuole ottenere la “Certificazione antibullismo”

Per questo, la Regione ha costituito un gruppo di lavoro per un progetto sperimentale del modello di certificazione, individuando una scuola e raccogliendo i dati. Marzi: "La Valle vuole essere la prima Regione a farsi carico del fenomeno a livello complessivo".
La conferenza stampa di Giunta. Da sx Marzi, Testolin e Bertschy
Società

Ottenere una “certificazione”, da un lato, e dall’altra mettere a terra una serie di azioni per prevenire e contrastare il bullismo.

Per questo, è stato costituito un gruppo di lavoro per l’analisi e la pianificazione legato ad un progetto sperimentale del modello di “Certificazione antibullismo”. L’obiettivo del progetto – dicono dall’Assessorato alla Sanità – è quello di costruire un modello organizzativo “improntato all’etica, alla legalità e alla non violenza” che sia “adattabile, replicabile e applicabile all’interno di ogni ambiente abitato da minori”.

Nel dettaglio è sceso – in conferenza stampa di Giunta – l’assessore Carlo Marzi: “Si tratta di un gruppo di lavoro per applicare una ‘Certificazione antibullismo’ dedicata alla prevenzione e al contrasto di un fenomeno che preferisco definire di ‘violenza tra pari’”.

La delibera, presentata con gli assessori Jean-Pierre Guichardaz e Giulio Grosjacques, vede “la Valle d’Aosta essere la prima Regione che si muove per ottenere la certificazione – ha aggiunto Marzi –. Un tema portato avanti con l’Osservatorio sul bullismo ed il disagio giovanile, attraverso bando della Presidenza del Consiglio dei ministri. Con l’avvio di questo progetto sperimentale, la Valle vuole essere la prima Regione a farsi carico del fenomeno a livello complessivo. Verrà individuata una scuola per avviare la sperimentazione, si proseguirà con una raccolta dati per poi arrivare ad una restituzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte