L’Amministrazione scolastica risponde ai professori senza cattedra: “Nessun disastro annunciato”

In una nota l'Amministrazione spiega che gli insegnanti saranno regolarmente in classe per l’inizio dell’anno scolastico, E confuta anche i numeri dati dagli insegnanti precari: "Le cattedre vuote della scuola secondaria non sono affatto 241 ma circa 70 posti su un totale di oltre 1300".
Scuola vuota
Società

Lunedì 14 settembre gli alunni rientreranno in classe con la quasi totalità degli insegnanti, così come sempre avvenuto anche negli anni scolastici passati, nonostante le maggiori difficoltà organizzative derivanti dall’emergenza sanitaria da Covid-19 e dal maggior numero di supplenze da conferire, proprio per effetto del potenziamento dell’organico del personale insegnante disposto, per l’anno scolastico 2020/2021, per agevolare l’attuazione delle misure necessarie per la ripresa delle attività scolastiche in sicurezza”.

A scriverlo, in risposta alle rimostranze espresse giusto ierigiovedì 10 settembre – dal Coordinamento “Professori senza cattedra Valle d’Aosta” che parlava in una nota di un “disastro annunciato” è l’Amministrazione scolastica regionale.

Amministrazione che “boccia” gli insegnanti su tutta la linea: la scuola ripartirà e le cattedre scoperte non sarebbero quelle lamentate dai docenti: “Contrariamente a quanto asserito – si legge in un comunicato –, le cattedre vuote della scuola secondaria non sono affatto 241, ma sulla base dei dati in possesso della Struttura personale scolastico alla data odierna risultano circa 70 posti da conferire su un totale di oltre 1300 posti nella scuola secondaria di primo e di secondo grado, dato ben diverso. Le segreterie scolastiche stanno, inoltre, continuando con assiduità a contattare i docenti interessati per dare copertura entro l’inizio delle lezioni anche a queste ultime supplenze residuate”.

La Sovraintendenza agli studi, intanto, “rassicura le famiglie e gli studenti sull’inesistenza deldisastro annunciato’ dal Coordinamento professori senza cattedra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società