Società di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 8 Maggio 2021 10:48

Lumturo, gli appuntamenti di maggio dedicati all’Europa

Aosta - Su Cittadella dei Giovani il progetto accompagnerà il pubblico alla scoperta - o riscoperta - di temi quanto mai attuali ma spesso sottotraccia.

Christina Sanson

Il mese di maggio di Lumturo sarà dedicato all’Europa, il continente nel quale viviamo e, quindi, quello che crediamo di conoscere meglioCrediamo, appunto, perché il progetto accompagnerà il pubblico alla scoperta – o riscoperta – di temi quanto mai attuali ma spesso sottotraccia: la rotta balcanica, il Green Deal, la situazione vissuta dalla comunità LGBT+, ed altri.

Dopo l’incontro del 5 maggio con la scrittrice bosniaca Elvira Mujčić sul tema dell’esilio, dello sradicamento e del difficile dialogo tra culture, verranno proposti i racconti di diverse associazioni no-profit, in particolare la sezione valdostana di “Still I Rise”, che verrà presentata sabato 8 maggio, e “Lungo la rotta balcanica”, ospite il 20 maggio, non tralasciando l’aspetto della ecosostenibilità e la lotta per la salvaguardia ambientale portata avanti da Extinction Rebellion, che ne parlerà il 21 maggio. Il 22 maggio è in programma l’appuntamento con il professor Raffaele K. Salinari dal titolo “Europa: elementi critici per ripensare un mito necessario”.

Proseguirà, inoltre, la collaborazione con Arcigay e Queer VdA, che mercoledì 12 alle 18 ha organizzato un dialogo e confronto sulla situazione LGBT+ in Ungheria con Ervin Bajrami (attivista e consigliere de “Il Grande Colibrì”), e con il MAET (Museo di antropologia ed etnografia di Torino), attraverso l’intervento di Alessandro Zolt il 28 maggio, che parlerà e farà ascoltare diversi oggetti sonori e musicali legati all’Europa.

Continuano anche gli appuntamenti con le rubriche: per la musica, il 10 maggio Lorenzo Plataroti incontra la cantante albanese Gioia Arapi, il 15 Miriam Falletti parlerà dell’ultima uscita letteraria di Silvia Meller, “La pecora nera”, mentre per il cinema il 24 maggio Andrea Borgomaneri analizzerà 28 giorni dopo, film di Danny Boyle del 2002.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo