Partiranno lunedì i lavori per i nuovi paravalanghe di Facebelle

L’opera prevede oltre un chilometro di paravalanghe suddivise su 8 file di altezza variabile tra 3,5 e 4 metri sul versante che sovrasta Champoluc. Il completamento dei lavori è previsto a fine estate 2022. L’impegno di spesa è di 1 milione 550mila euro.
Palazzo Regionale
Società

Prenderanno il via lunedì prossimo, 20 settembre, i lavori di realizzazione delle opere paravalanghe di Facebelle, sul versante che sovrasta Champoluc, nel comune di Ayas. A comunicarlo l’Assessorato regionale alle Opere pubbliche.

“Si tratta di un’importante opera, fortemente attesa dalla comunità locale – spiega l’Assessore Carlo Marzi -. La particolare attenzione che il Governo regionale pone nella difesa dai fenomeni valanghivi, rendendo disponibili le necessarie risorse a bilancio, ha permesso di attivare importanti interventi di nuova realizzazione o integrativi e manutentivi di impianti paravalanghe già esistenti, tra i quali quello di Facebelle”.

Dopo i sopralluoghi preliminari delle ultime settimane, l’impresa aggiudicataria – il Consorzio Stabile Valle d’Aosta – attiverà la cantierizzazione dell’intervento di mitigazione del rischio valanghivo.

Il sito fu teatro di un grave evento il 6 gennaio 1920, quando una valanga di notevoli dimensioni investì parte del villaggio, ai piedi del versante, causando 7 vittime.

A partire dagli anni ‘30, con la realizzazione di gradoni paravalanghe, e proseguendo con il primo intervento attivo di posa di fermaneve negli anni ‘80, furono realizzati i primi interventi di riduzione del rischio.

Gli approfondimenti tecnici condotti per lo studio della pericolosità valanghiva e soprattutto gli inverni degli ultimi 15 anni hanno evidenziato i limiti delle opere finora realizzate e spinto l’amministrazione regionale a progettare nuove ed integrative opere paravalanghe.

L’opera prevede oltre un chilometro di paravalanghe suddivise su 8 file di altezza variabile tra 3,5 e 4 metri.

I lavori di realizzazione proseguiranno fino a che le condizioni ambientali lo permetteranno, per poi essere interrotti nel periodo invernale e riprendere infine nella tarda primavera del 2022. Il completamento è previsto a fine estate 2022. L’impegno di spesa è di 1 milione 550mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società