Società di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 29 Ottobre 2019 11:12

Prestito sociale d’onore, per presentare le domande c’è tempo fino al 29 novembre

Aosta - C'è un mese esatto di tempo accedere al finanziamento che la Regione concede per il sostegno delle famiglie – anche composte da un solo soggetto – che si trovano in situazione di grave difficoltà economica e sociale.

Un mese esatto, fino a venerdì 29 novembre, per presentare all’Assessorato alla Sanità le domande per richiedere il prestito sociale d’onore, il finanziamento che la Regione concede per il sostegno delle famiglie – anche composte da un solo soggetto – che si trovano in situazione di grave difficoltà economica e sociale.

Per presentare la domanda gli interessati devo fissare un appuntamento con la propria Assistente sociale di riferimento, se già in carico, oppure, se non ancora in carico ai servizi sociali territoriali, contattare l’assistente sociale dello sportello sociale, che si occuperà di guidare e assistere l’interessato a predisporre la documentazione necessaria.

I requisiti richiesti per presentare la domanda sono aver compiuto 18 anni di età; essere residenti in Valle d’Aosta da almeno due anni nel corso dell’ultimo triennio; essere cittadini italiani o di altro Stato membro dell’Unione europea; essere cittadini di uno Stato non appartenente all’Unione europea purché in possesso di carta di soggiorno o, in alternativa, di permesso di soggiorno di durata residua superiore a un anno e comunque non inferiore al periodo concordato per la restituzione del prestito sociale ricevuto; possedere un Isee compreso nel limite massimo di 12mila euro e non presentare, nell’arco degli ultimi tre anni, situazioni pregiudizievoli a proprio carico.

“I beneficiari dei prestiti sociali d’onore – spiega l’Assessore alla Sanità Mauro Baccega – restituiranno il finanziamento concesso in ore di attività entro il termine stabilito nel progetto di restituzione che i richiedenti devono concordare e sottoscrivere, entro un tempo massimo di due anni”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>