Tre giovani imprenditori agricoli di Coldiretti Vda a Bruxelles per un viaggio-studio

Oltre a alla scoperta degli uffici Coldiretti, i tre giovani hanno preso parte ad un seminario al Parlamento europeo con Sarah Guizzardi, esponente della Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Ue, e con l’Eurodeputato On. Brando Benifei e hanno visitato due aziende agricole zootecniche.
Julien Praz Fabien Bionax Michael Cuaz
Società

Fabien Bionaz, neo segretario di Coldiretti Giovani Impresa Valle d’Aosta, insieme a Julien Praz e Michael Cuaz sono i tre giovani  imprenditori agricoli valdostani che nei giorni scorsi hanno preso parte ad un viaggio-studio di tre giorni a Bruxelles, insieme ai colleghi di Coldiretti Giovani Impresa Piemonte e Liguria, alla scoperta degli uffici Coldiretti, del Parlamento europeo e di due aziende agricole zootecniche.

“Sempre più le politiche europee si riflettono sui nostri territori, a partire dalla Pac, per cui un viaggio di questo tipo ha proprio il significato di instaurare un confronto e portare le nostre istanze con chi incide e lavora nella sede principe dove le decisioni vengono prese e, a cascata, arrivano ed impattano sulle nostre imprese – spiega Jair Vidi delegato regionale Giovani Impresa -. La Next Gen agricola ha mostrato grande attenzione, dinamismo e voglia di essere protagonista durante la tre giorni che è servita a conoscere meglio le Istituzioni comunitarie, i loro meccanismi e le loro funzioni”.

“Un momento di confronto e dibattito importante – sottolineano Alessio Nicoletta presidente di Coldiretti Valle d’Aosta e Elio Gasco Direttore regionale –, ma anche un’occasione per arricchire la propria persona, il proprio lavoro e il proprio bagaglio esperienziale. Un modo per dimostrare ancora una volta che il futuro è giovane e che, proprio per questo, investire sui giovani vuol dire investire sul futuro e sulla sovranità alimentare del Paese.  Al giorno d’oggi le giovani imprese agricole spiccano sia il salto di qualità compiuto in termini di digitalizzazione, innovazione e professionalità che per estensione, aggirandosi in media intorno ai 18,3 ettari, a fronte di una media nazionale di 10,7 ettari. Senza dimenticare che il 12% delle imprese agricole giovani svolge attività connesse, in prima linea nel modello di agricoltura multifunzionale, con importanti ricadute sull’ambiente e sulla collettività”.

IL PROGRAMMA DEL VIAGGIO

Un programma fitto di impegni europei: lunedì 6 marzo, all’interno degli uffici Coldiretti di Bruxelles, accolti da Paolo di Stefano, responsabile dell’ufficio di rappresentanza Coldiretti a Bruxelles, e da Luca Gaddoni, policy advisor Coldiretti Bruxelles, i giovani hanno avuto modo di prendere parte a un interessante seminario su Istituzioni UE e rappresentanza con Sarah Guizzardi, esponente della Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Ue, e con l’Eurodeputato On. Brando Benifei. A margine dell’incontro, dopo un’attesa presentazione con l’Eurodeputato On. Brando Benifei, il segretario regionale del Movimento Giovani Impresa Valle d’Aosta, Fabien Bionaz, e i suoi colleghi di Piemonte e Liguria, Lunetta Lo Cacciato e Fabio Zambarino, hanno consegnato ai loro ospiti i prodotti locali che hanno portato con sé dall’Italia. E, come da tradizione, per la Valle d’Aosta la Fontina DOP ha svolto a pieno titolo il proprio ruolo di vessillo e ambasciatore dell’agroalimentare regionale.

A seguire, nella giornata di martedì 7 marzo, i giovani agricoltori sono stati ospiti della “sala delle grandi decisioni” del Parlamento Europeo di Bruxelles, accompagnati dall’Eurodeputato On. Alessandro Panza, e nel pomeriggio, presso il COPA-COGECA, accolti da Patrick Pagani, senior policy advisor del COPA –COGECA, hanno avuto un momento di confronto con gli Eurodeputati On. Gianna Gancia e On. Tiziana Beghin e con Marion Picot, segretario generale del CEJA.

Per chiudere, la delegazione è stata accolta all’interno di due caratteristiche aziende zootecniche del territorio, Les Fermes de chez nous e Flemal, per una visita guidata delle strutture e un confronto rispetto alle differenze di allevamento tra Italia e Belgio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte