Sport di Orlando Bonserio |

Ultima modifica: 14 Settembre 2020 16:37

Il campione del mondo Leon Paez vince la GranParadisoBike

Cogne - Il colombiano si aggiudica la ventesima edizione della gran fondo in 2h05'57". Secondo Medvedev, terzo Mensi. Alessandro Saravalle e Giuseppe Lamastra nella top ten. Al femminile vince Sandra Mairhofer.

Leon PaezLeon Paez

Il colombiano Leon Paez, campione del mondo di mountain bike marathon, ha vinto la ventesima edizione della GranParadisoBike, gran fondo di 50 km con 1500 metri di dislivello a Cogne. Una gara condotta a ritmi molto elevati e incerta fino al giro di boa di Epinel, con Paez e l’ex campione europeo Alexsei Medvedev a disputarsi il gradino alto del podio fino a 5 km dalla linea d’arrivo. Ottima gara in rimonta di Alessandro Saravalle e di Giuseppe Lamastra, entrambi nella ‘top ten’.

Ritmo alto sin dai primi metri, con dieci atleti a dettare l’andatura e a fare subito selezione. Il gruppo di testa rimane compatto fino a metà gara, al 25° km, all’inizio della lunga e impegnativa salita che conduce a Gimillian, dove si forma un gruppetto di tre – Paez, Medvedev e Daniele Mensi -, che fa presto il vuoto. Nella difficile discesa verso Epinel Mensi perde un po’ di terreno e nella risalita verso il Prato di Sant’Orso di Cogne Leon Paez (Giant Polimedical) fa decisamente il vuoto. L’iridato colombiano si presenta in solitaria sul traguardo, fermando il cronometro sulle 2h05’57”, tempo ben al di sotto dei limiti delle edizioni precedenti. A 1’31”, il russo Aleksei Medvedev (Cicli Taddei; 2h 07’37”) e, a 3’43”, Daniele Mensi (Soudal Leecougan; 2h 09’40”). Ancora Soudal al quarto posto, grazie a Jacopo Billy (2h 10’36”) e, quinto, Lorenzo Samparisi (Ktm Alchemist; 2h 10’55”). Sesto Stefano Valdrighi (Soudal) e settimo Marco Rebagliati (Wilier 7C Force). Gara di rimonta di Alessandro Saravalle (Cicli Lucchini), che conclude all’8° posto, in 2h 11’50, davanti a Martino Fruet (Team LaPierre; 2h 11’56”; attardato per la rottura del sellino) e decimo Giuseppe Lamastra (Silmax; 2h 12’00”).

Al 15° posto Dario Cherchi (Bici Camogli; 2h 16’04”; primo Under 23); 19° Andrea Cina (Gs Lupi VdA; 2h 17’24”; 17° Elite); 34° Thierry Grivel (Silmax Racing; 2h 26’11”; 8° Under); 36° Roberto Crisi (Rdr Italia Factory; 2h 28’02”); 50° Hervé Bionaz (Cicli Lucchini; 2h 33’58”; 1° JMT); 57° Denis Donzel (Vc Courmayeur MB; 2h 36’15”; 4° Junior); 66° Filippo Blanc (MagiCuneo; 2h 39’24”; 28° Elite); 72° Corrado Cottin (Cicli Benato; 2h 39’51; 3° M6); 86° Erik Rosaire (Gs Vigili Fuoco; 2h 43’13”; 7° M2).

Al femminile, successo dell’altoatesina Sandra Mairhofer (Rh Racing; 2h 41’17”; 78° assoluta), che ha preceduto Gaia Ravaioli (Ktm Alchemist; 2h 43’40; 89°) e Anna Oberparleiter (Team LaPierre; 2h 50’12”; 108°).

Sandra Mairhofer
Sandra Mairhofer

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>