Sport di Orlando Bonserio |

Ultima modifica: 4 Dicembre 2020 16:08

Nuovo Dpcm, il Presidente FISI: “Non c’è rispetto per gli sport invernali”

Aosta - La chiusura degli impianti sciistici fino al 6 gennaio ha suscitato la reazione di Flavio Roda: "La montagna ha nel DNA il rispetto delle regole, questo DPCM dimostra solo ignoranza sulla materia".

Flavio RodaFlavio Roda

Il nuovo DPCM, in vigore da oggi, venerdì 4 dicembre, ha sancito quanto già si temeva: gli impianti sciistici resteranno chiusi dal 4 dicembre al 6 gennaio se non per atleti professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e/o dalle rispettive federazioni per permettere la preparazione finalizzata allo svolgimento di competizioni sportive nazionali e internazionali o lo svolgimento di tali competizioni. Un duro colpo per gli sport invernali che ha suscitato la forte reazione da parte del più alto vertice federale, il presidente della FISI Flavio Roda.

“Le misure del nuovo Dpcm non tengono in nessun conto il mondo della montagna e degli sport invernali”, ha dichiarato Roda. “Non c’è confronto, manca la conoscenza di base del mondo della montagna, che ha nel suo DNA il rispetto delle regole. Sembra che tutto il contagio possa venire dal mondo dello sci, che è chiuso senza un vero motivo”.

Oltre a sottolineare il rispetto delle regole e dei rigidi protocolli, Roda sottolinea l’importanza del mondo dello sci anche a livello economico: “Il nostro sport rappresenta il traino per il turismo invernale, che genera un indotto enorme. Ma non c’è rispetto. Non veniamo nemmeno presi in considerazione. Chi ama lo sci e lo vorrebbe praticare deve restare a casa, gli impiantisti devono tenere chiuso, gli atleti di alto livello devono fare miracoli per riuscire ad allenarsi. Per loro è un lavoro, ma non sembra sia considerato”.

“Qual è il senso di tutto ciò?”, si chiede infine Roda. “Penso che le autorità dovrebbero avere più rispetto del mondo della montagna e di quello che significa per l’Italia. Questo Dpcm dimostra solo ignoranza sulla materia”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo