Pasta al pesto, burrata e pomodori caramellati

Una pasta originale e sfiziosa che conquisterà i vostri commensali.
Pasta al pesto burrata e pomodori caramellati
casseDrôle

Oggi per voi ho cucinato una pasta sfiziosa e originale, che saprà portare in tavola il sorriso sui volti dei vostri commensali, al primo assaggio.

Ingredienti per 4 persone

350 gr di pasta corta a piacere ( io ho usati i sedanini )

200 gr di burrata fresca

200 gr di pomodori cuore di bue

4-5 cucchiai di pesto ( troverete la ricetta qui )

3 cucchiai di zucchero bianco

Olio evo, sale, pepe nero

Inizierete mettendo a bollire abbondante acqua salata per la cottura della pasta.

Taglierete a cubetti i pomodori, li scolerete dell’eventuale acqua che dovessero rilasciare.

In una padella antiaderente metterete a scaldare 3 cucchiai di olio evo, lascerete che si arroventi bene quindi vi tufferete i pomodori, che dovrete saltare per un paio di minuti, a fuoco molto sostenuto prima di cospargerli di zucchero, mescolarli per altri 30 secondi e lasciarli riposare.

Dopo aver tolto la burrata dal frigo, con alleno 1 ora di anticipo, la triterete grossolanamente a coltello e la conserverete da parte.

Una volta buttata, cotta e scolata la pasta, la condirete con il pesto, in un grilletto, la trasferirete poi nei piatti di servizio aggiungendo ai bordi del piatto i pomodori caramellati, in cima alla pasta la burrata ( alla quale avrete dato una forma rotondeggiante, con l’aiuto di un cucchiaio ).

Terminerete il piatto con un filo di olio a crudo, una macinata di pepe nero e un ciuffetto di basilico fresco.

Buon appetito e ricordate sempre che il cibo è vita quindi meglio sia buono!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte