Ettore, uno e tanti

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un Volontario della Protezione civile che ricorda il collega Ettore Bettega ad un anno dalla scomparsa.
Ettore Bettega
I lettori di Aostasera

Un anno e sembra ieri. Caro amico, collega Volontario sei partito all’alba di questa lunga notte in cui la malattia ci ha sprofondati. Sei partito nel silenzio e nello sgomento di quei primi periodi di pandemia, quando tutti speravamo e credevamo, lavorando in silenzio e cercando di non pensare troppo ai rischi ed ai colpi che cadevano vicini a ciascuno di noi.

Ettore, il Volontario e amico che abbiamo conosciuto, si è messo subito al servizio degli altri senza risparmiarsi e senza pensare troppo per cercare di allontanare i timori che indeboliscono il lavoro e fiaccano lo spirito. E dell’uno e dell’altro hai dato esempio, caro Ettore, a tutti noi Volontari con il sorriso e le tue battute che hanno sempre alleggerito il lavoro di chi ti era vicino. Sapevi rendere appetibili servizi pesanti e disagiati per il solo fatto di condividerli con te, tra una moka accesa sotto la pioggia ed i tuoi infiniti racconti si trascorrevano ore positive, ore che ti lasciavano dentro qualcosa. Certo qualche manovra errata e qualche piccolo imprevisto ti sono capitati ma tale era il tuo impegno e la tua volontà che tutto si è aggiustato e, di questo sono sicuro, per tutti sei rimasto un grande esempio.

Tutti noi siamo figli, padri, mariti e amici ma le persone che abbiamo vicino ci ricorderanno soltanto per quel pezzo di vita che hanno condiviso con noi su questa terra. Io ed i miei colleghi Volontari della Protezione Civile abbiamo avuto la fortuna di fare un pezzetto di strada insieme a te Ettore e quella strada, caro amico, stai pur certo che continueremo a percorrerla per portare il nostro aiuto dove serve. Lo faremo senza il tuo sorriso e le tue battute, e per questo sembrerà più in salita, ma lo faremo.

Ciao Ettore, se c’è un posto dove vanno a finire i giusti sei lì di sicuro e spero che da lì si veda quanto c’è di buono e luminoso nello spirito dei tanti Volontari che ogni giorno percorrono quella strada in salita.

Sperando e credendo, senza mollare.

Lettera firmata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

I lettori di Aostasera