Un epidemiologo per amico di Luca Peano |

Ultima modifica: 21 Maggio 2020 12:13

Coronavirus: la situazione in Valle, il confronto con le altre regioni e alcuni spunti sulla Fase2

Aosta - Siamo in fase due e le cose non sembrano cambiate rispetto ai giorni di lockdown. Ovviamente è necessaria una osservazione più prolungata nel tempo per confermare questa analisi. Rispetto alle incertezze dei primi tempi abbiamo qualche consapevolezza in più.

statisticsstatistics

Vi aggiorno sulla situazione in Valle d’Aosta, sul confronto con altre regioni e su qualche confronto internazionale, utilizzando gli scarsi dati offerti dalla Protezione Civile Italiana ed uno dei tanti database internazionali sulla pandemia (Wordometers). Alla fine parleremo della fase due che stiamo vivendo.

LA SITUAZIONE IN VALLE D’AOSTA

Nei grafici che rappresentano la situazione valdostana giorno per giorno, si può osservare che tutti i parametri sono in netto miglioramento.

I nuovi casi sono ridotti a poche unità.

Vda nuovi casi
Vda nuovi casi

I decessi sono ridotto a zero o vicini allo zero.

Vda Decessi
Vda Decessi

Le guarigioni avvengono tutti i giorni.

VdA guariti
VdA guariti

Ed infine i casi attivi, che sono i soggetti in trattamento (e che quindi non sono né guariti né deceduti), sono in costante diminuzione dai circa 700 del mese di marzo agli attuali poco più di 100.

Vda casi attivi
Vda casi attivi

Nei grafici che invece rappresentano gli eventi in modo cumulativo, si evidenziano il rallentamento della curva dei nuovi casi, la crescita costante dei guariti e la sostanziale costanza della curva dei deceduti.

Vda evoluzione del contagio
Vda evoluzione del contagio

E, per quanto riguarda le modalità assistenziali dei casi attivi, i ricoveri in rianimazione sono pressoché scomparsi, i ricoveri in reparti Covid in lento ma progressivo rallentamento e gli isolamenti domiciliari in rapida riduzione.

Vda modalità assistenziali
Vda modalità assistenziali

 

LA SITUAZIONE IN ITALIA E IN ALTRE REGIONI DEL NORD

In Italia, come tutti i media riportano quotidianamente, la situazione si va lentamente normalizzando, con una riduzione forse troppo lenta ma costante sia dei nuovi casi, sia dei decessi giornalieri. Il grafico mostra la situazione dall’inizio della pandemia al 20 maggio.

Italia
Italia

I guariti aumentano regolarmente, i decessi hanno rallentato significativamente, i pazienti critici si sono ridotti sensibilmente ed anche i pazienti non critici mostrano un andamento favorevole.

Italia
Italia

Nel confronto con le altre regioni d’Italia la Valle d’Aosta continua ad essere seconda soltanto alla Lombardia per numero di decessi rapportati alla popolazione generale.

decessi/100 mila abitanti
decessi/100 mila abitanti

La curva dei casi attivi è invece a noi favorevole in quanto si è drasticamente ridotta, dopo essere stata la peggiore in Italia, oltre che in anticipo rispetto alle altre regioni considerate. Attualmente, nel confronto con le altre regioni del nord maggiormente colpite, abbiamo il numero di casi percentualmente minore.

casi attivi /100mila ab
casi attivi /100mila ab

L’analisi dei casi critici conferma le stesse conclusioni.

casi critici / 100mila ab
casi critici / 100mila ab

 

CONFRONTI INTERNAZIONALI

Per offrirvi qualche confronto internazionale, ho riportato le stesse statistiche tra Italia, Francia, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti aggiornate al 19 maggio. Da quando la Spagna ci ha superati agli inizi di aprile non siamo più i peggiori in quanto a decessi ed i nostri casi attivi sono diventati i più bassi rispetto ai confronti eseguiti. Va però tenuto conto che la pandemia in Italia è iniziata con un anticipo di una o due settimane rispetto agli altri Paesi (lo si vede particolarmente bene nei confronti con Stati Uniti e Regno Unito, anche se quest’ultimo da qualche giorno non fornisce questo dato).

Se fate attenzione alla scala delle ordinate (quella verticale) potete confrontare i livelli della nostra regione rispetto all’Italia intera.

decessi/100mila ab
decessi/100mila ab
decessi/100mila ab
decessi/100mila ab
casi attivi/100mila ab
casi attivi/100mila ab
casi attivi/100mila ab
casi attivi/100mila ab

LA FASE DUE

Siamo in fase due e le cose non sembrano cambiate rispetto ai giorni di lockdown. Ovviamente è necessaria una osservazione più prolungata nel tempo per confermare questa analisi. Rispetto alle incertezze dei primi tempi abbiamo qualche consapevolezza in più:

  1. Il virus sembra abbastanza stabile, per cui ci sono buone speranze per un vaccino che però arriverà probabilmente solo fra molti mesi
  2. I farmaci antivirali non hanno dato risultati molto soddisfacenti, tuttavia buone speranze sono riposte nell’utilizzo del plasma dei soggetti guariti. Ma soprattutto sono molto migliorate le terapie di supporto, quelle cioè che mantengono l’organismo in grado di combattere l’infezione, fenomeno testimoniato dalla riduzione percentuale dei casi gravi e dei decessi
  3. Le procedure di tracciamento sembrano essere state avviate, anche se nessun dato analitico è offerto all’opinione pubblica
  4. Il contagio avviene soprattutto col contatto stretto ed in ambienti al chiuso con persone infette piuttosto che dal contatto con le superfici contaminate, che rivestono un ruolo minore
  5. Il distanziamento sociale funziona, ma oltre ad essere mantenuto per quanto possibile deve essere accompagnato dal frequente lavaggio delle mani, dal non toccarsi naso bocca ed occhi e dall’uso delle mascherine
  6. A proposito di queste ultime va ricordato che servono a ridurre l’emissione delle goccioline con l’aria espirata, quindi sono un mezzo per proteggere gli altri dal possibile contagio da parte nostra, e non viceversa

Per tutto ciò aspettiamoci quindi di dover convivere ancora a lungo con il coronavirus, le cui “curve” si manterranno probabilmente basse, ma senza tendere allo zero, e mostreranno qualche aumento (speriamo lieve!) dovuto a contagi intrafamiliari e nei luoghi di incontro per piccoli gruppi di persone.

Coraggio, andiamo avanti!

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>