Covid 19: in Valle d’Aosta è sotto controllo, ma la pandemia tutt’altro che esaurita

In Italia (ed in Valle d’Aosta) la situazione è sotto controllo: la variante indiana, meglio definita come variante delta, non rappresenta che pochi punti percentuali dei nuovi casi di malattia.
coronavirus
Un epidemiologo per amico

Questo è  il mio ultimo incontro con voi, se come tutti speriamo non ci saranno sorprese nei mesi a venire. Vorrei lasciarvi con qualche riflessione personale che possa aiutarvi a comprendere meglio qual è la situazione attuale e che cosa ci possiamo aspettare per il futuro.

Purtroppo la pandemia è tutt’altro che esaurita: lo dimostrano i miei ultimi grafici che documentano, su scala mondiale e con tutti i limiti della raccolta dei dati internazionali, l’andamento giornaliero dell’Rt (attualmente intorno a 0,90), dei nuovi casi (circa 400.000 al giorno) e dei decessi (non meno di 10.000)

stima rt nel mondo

nuovi decessi

nuovi casi nel mondo

In Italia (ed in Valle d’Aosta) la situazione è sotto controllo: la variante indiana, meglio definita come variante delta, non rappresenta che pochi punti percentuali dei nuovi casi di malattia. Certo che per trovarla bisognerebbe sequenziare un numero congruo di casi, e questo attualmente non è il nostro caso, in cui ciò avviene in meno dell’1% dei tamponi positivi. E’ ovvio che per trovare qualcosa bisogna cercarlo secondo corretti metodi epidemiologici, non fosse altro per poterne escludere autorevolmente la presenza.

I vaccini si sono dimostrati efficaci nel ridurre drasticamente i casi gravi (terapie intensive e decessi), ma l’immunità di gregge, di cui a mio parere spesso si parla a sproposito, rimane un’utopia. Primo perché non siamo un gregge (cioè una popolazione chiusa che vive confinata in un luogo definito) e secondo perché tra no vax, incerti, persone non facilmente reperibili o non censite, controindicazioni vere al vaccino e fasce giovanili che attualmente non sono autorizzate alla vaccinazione ben difficilmente si raggiungerà la soglia prevista, che peraltro è legata al tasso di riproduzione delle singole varianti in gioco che purtroppo tende ad aumentare.

La durata dell’immunità è un altro punto in sospeso, sia per quanto riguarda quella derivante dalla malattia naturale, sia quella derivante dalla vaccinazione: allo stato attuale delle conoscenze una terza dose di vaccino non è ritenuta necessaria, ma è passato troppo poco tempo per poterlo affermare con sicurezza.

Speriamo di non ripetere gli errori dell’estate scorsa, in cui tutto sembrava finito, ma che i mesi di netta attenuazione della malattia possano essere utilizzati per prepararci ad eventuali ulteriori ondate potenziando  l’attività di contact tracing e vaccinando quante più persone possibili.

Resta sempre valido il consiglio ad essere prudenti, di lavarci le mani e di mantenere nei limiti del ragionevole il distanziamento sociale soprattutto nei luoghi chiusi, vista l’importanza della diffusione virale tramite aerosol.

Auguro una buona estate a tutti, ed un ringraziamento ad Aostasera che mi ha ospitato.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Un epidemiologo per amico
Un epidemiologo per amico

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte