Pubblicità di alcolici davanti al Ser.D, Aosta vuole modificare il regolamento sulle affissioni

Controllare il contenuto delle affissioni pubbliche non si può. Si possono però individuare dei “luoghi sensibili” per evitarle? Dopo il caso, sollevato in Consiglio, di un'affissione davanti al Ser.D la questione è arrivata oggi in Commissione.
USL - Guido Rey
Comuni

Controllare il contenuto delle affissioni pubbliche non si può. Si possono però individuare dei “luoghi sensibili” – come fatto per il gioco d’azzardo a fine 2016, passando poi per il Celva ed il Piano contro l’azzardopatia della Regione – per evitare l’affissione di pubblicità “fuori luogo” in determinate zone?

Il Comune di Aosta crede di sì, o almeno questo è il tentativo che verrà messo in campo dall’Amministrazione cittadina.

Galeotta fu una campagna pubblicitaria su un superalcolico che, quest’estate, è stata affissa – tra gli altri – in diverse vie e strade del capoluogo. Tra le quali, anche in via Guido Rey. Proprio davanti alla sede dell’Azienda Usl, degli ambulatori e, soprattutto, davanti al Servizio per le dipendenze. Ovvero, il Ser.D.

Questione arrivata fino in Consiglio comunale, a settembre 2023, con una mozione di Cristina Dattola, eletta in quota La Renaissance, e oggi affrontata nella terza Commissione Servizi alla persona”.

In audizione, in aula, il dottor Gerardo Di Carlo, responsabile del Servizio per le dipendenze, ha spiegato: “È stata fatta esplicita pubblicità ad alcolici di fronte alla sede Asl che ospita il Ser.D – ha detto –. Lì accogliamo anche pazienti con disturbi da uso di sostanze e di alcool, che vengono da noi anche per essere trattati, e a volte proprio l’alcool”.

Ma non solo: “Un altro motivo di preoccupazione stava nel fatto che la campagna era indirizzata ai giovani, un modo per rendere ‘palatabili’ delle tipologie di alcolici abbastanza tradizionali in Valle d’Aosta – prosegue Di Carlo –. Ci occupiamo in maniera massiccia dei giovani, nelle scuole, facendo prevenzione per evitarne un uso sempre più massiccio anche da parte di minori, come dimostra il fenomeno del binge drinking. Vedere quel manifesto di fronte all’Asl ha avuto un impatto negativo su di me e su tutti i dipendenti del Ser.D. Ho chiesto all’Ufficio stampa dell’Asl che si muovesse per la rimozione del cartellone, posto davanti ad un luogo sicuramente sensibile. Lì vengono persone, anche negli ambulatori, con bisogni di salute. Ma di fronte al Ser.D, nello specifico, mi è sembrato davvero improprio”.

Ma non è questione della sola via Rey: “Ho visto la stessa identica affissione di fronte alle scuole – ha aggiunto il medico –. Lungi da me contrappormi alla giusta ricerca di pubblicizzazione da parte delle aziende, che è lecita, ma ci sono luoghi che vale la pena di preservare. Luoghi in cui si raduna una fascia di popolazione a rischio potenziale come i giovani o a rischio effettivo come gli utenti del Ser.D. Ci sono luoghi in cui va evitata la pubblicizzazione di sostanze alcoliche. Più vengono pubblicizzate, anche in modalità cool, più si concorre ad incentivare l’utilizzo”.

Obiettivo: un regolamento condiviso con Aps

Gerardo Di Carlo responsabile del Ser.D
Gerardo Di Carlo responsabile del Ser.D

L’obiettivo, come detto, è rivedere il regolamento indicando i “luoghi sensibili”. “Dal punto di vista normativo siamo carenti – ha risposto l’assessora alle Politiche sociali Clotilde Forcellati –. Mi impegno a coinvolgere il cda di Aps chiedendo un’audizione in Commissione. Il regolamento sulle affissioni non è comunale, è di Aps. Quindi sono loro, immagino, che devono cambiarlo su stimolo della Commissione, essendo loro una società in house. Un lavoro che serve per fare un primo passo”.

“Nessuno vuole fare del proibizionismo perché non funziona, ma non possiamo neanche promuovere il consumo – ha detto ancora Forcellati –. Ognuno deve fare il proprio ‘pezzettino’ e noi possiamo farlo. Chiederemmo al Ser.D di individuare i luoghi sensibili per dare una scientificità alle nostre richieste”.

Una richiesta unanime

In aula, la volontà è condivisa da tutta la Commissione. Cristina Dattola – che ha sollevato la questione nell’Assemblea cittadina–, ha spiegato: “Quando ho portato in Consiglio la campagna pubblicitaria anti-vaccino affissa ovunque mi è stato detto che non si può censurare un contenuto. È vero, ma si possono scegliere luoghi dove affiggere i manifesti. La pubblicità dell’alcool, che sia diretta o occulta, i farà sempre. Ma, con l’aiuto di Aps, possiamo decidere dove affiggere determinati contenuti”.

“Prendiamo atto di questa situazione – ha detto il capogruppo Pcp Paolo Tripodi –. Esiste una dimensione basata su logiche di mercato che non riusciremo mai a contrastare. Ma dovremo tentare di passare ad una situazione più concreta. No al proibizionismo ma sì alla prevenzione. Strutture sanitarie e Comune devono unire le forze per prevenire questo fenomeno. Ci assumeremo l’impegno di proseguire su questa strada. Abbiamo bisogno di strumenti perché si possa, grazie ad Aps, creare un sistema di protezione perché non si verifichino più queste situazioni.”.

In linea anche Luciano Bocazzi – consigliere Pcp in quota Area democratica –, che si pone una domanda: “Sicuramente l’affissione in certi luoghi è davvero fuori luogo. Ma la questione va un po’ oltre: per gli alcolici e l’azzardo, accendendo la tv, si vedono pubblicità continue. Ad ogni modo, non possiamo continuare a vedere questi cartelloni dove queste dipendenze vengono curate”.

“Cogliamo l’invito dell’assessora – ha detto invece Franco Proment (Uv) –, ovvero accogliere i vertici Aps per capire se si possa redigere un regolamento che non intralci le norme, per capire come muoverci in futuro, lasciando ovviamente libere le aziende di reclamizzare i propri prodotti”.

“Ho voluto credere che l’affissione davanti alla sede Asl fosse un’applicazione senza alcuna malizia – ha chiuso Di Carlo –. È talmente macroscopico che non si possa affiggere una pubblicità del genere che, altrimenti, sembrerebbe una provocazione. Io voglio credere si sia trattato di una svista, e ben venga questa riflessione”.

8 risposte

  1. Sinceramente qualche tempo fa (n.b. da poco è statarimossa) mi sono chiesta il perché proprio perfettamente davanti ad un’istituzione scolastica (L. Einaudi via della pace ) ci fosse la pubblicità di una grappa, tra l’altro con un ammiccante sponsor che recitava ‘spirito giovane’. È chiaro che ciò non è la causa del problema in questione, però non mi pare il caso.

    1. Concordo, il problema è assai più complesso. Ma se iniziassimo a non pubblicizzare grappe e spiriti vari proprio davanti a chi ne fa abuso, dovendo addirittura ricorrere alle cure del Ser.D, direi che sarebbe già un primo passo importante. Altrimenti nascondiamoci dietro a un dito e dipingiamo la nostra Valle come una Valle assolutamente analcolica.

  2. Ma l’assessora Forcellati è seria quanto dice che il regolamento per le affissioni ad Aosta è compito di APS e non del Comune? Eppure il nuovo regolamento comunale per le affissioni l’ha votato anche l’assessora Forcellati… Grave che la stessa persona non sappia cosa fa la sua mano destra rispetto alla sua mano sinistra!

    1. si, perchè si tratta della verità. il regolamento è di competenza dell’APS e non è un regolamento comunale. non faccia commenti inopportuni e legga bene le dichiarazioni

      1. Legga bene le cose che anche lei ha votato! L’unico regolamento inerente alle affissioni ad Aosta è quello approvato con la delibera di consiglio comunale n. 34 del 17 marzo 2021 (Istituzione del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria e del canone mercatale – Approvazione regolamento).
        L’APS, in qualità di società in house del Comune, ha il compito di applicare il regolamento comunale. Nulla di più, nulla di meno.
        Prova ne è che, se ma doveste mettere mano al regolamento, individuando eventualmente dei luoghi sensibili a oggi non previsti, queste modifiche dovranno passare al vaglio del consiglio comunale, non certo del cda di Aps.
        Ora capiamo perché la città versa in queste condizioni: se nemmeno chi siede in consiglio sa di cosa si sta parlando, il tutto è davvero avvilente.

  3. Ma a chi viene al SER.D. , tolti giustamente quelli in via Guido Rey, fornirete la mappa di dove sono affissi certi manifesti e vieterete loro quel percorso? O meglio ancora il sindaco con un ordinanza chiuderà la strada per la durata dell’affissione così nessuno la vedrà? E pensate di risolvere così i problemi:togliendo i cartelloni della pubblicità? Bastasse ne sarei felice ma il problema è ben più complesso e profondo. Vi prego, siate seri. Tra l’altro la campagna anti “vaccino” che era stata affissa purtroppo e ripeto purtroppo, si sta rivelando veritiera…..

    1. Oddio no, di nuovo i no vax a strombazzare le loto castronerie complottiste e antiscientifiche! Qualcuno li spenga, per favore, che non se ne può più!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte