Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 16 Marzo 2021 13:58

Divieto di raggiungere le seconde case: in arrivo i controlli

Aosta - Il tema è stato affrontato nella riunione di oggi, lunedì 15 marzo, del Comitato ordine e sicurezza pubblica. A breve il tavolo tecnico che riunisce le forze dell’ordine stabilirà le modalità: non sono esclusi i “filtraggi” all’ingresso della Valle già visti in passato.

Controlli Pont-Saint-MartinI controlli a Pont-Saint-Martin.

L’interrogativo imperversa da sabato scorso, quando è apparsa in rete l’ordinanza del Presidente della Regione Erik Lavevaz, che “fatti salvi i casi di comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità”, ovvero “per motivi di salute”, rende “a coloro che non risiedono” in Valle non “consentiti gli spostamenti in entrata” nella regione “per recarsi presso le proprie abitazioni diverse da quella principale (c.d. seconde case)”.

La domanda, che spopola sui social (ma non solo), è: come si concilia questa previsione con le Faq presenti nel sito del governo, che permettono gli spostamenti tra regioni (indipendentemente dalla “colorazione”) per raggiungere delle seconde abitazioni? Il tema è stato toccato nella riunione del Comitato ordine e sicurezza pubblica tenutasi nel primo pomeriggio di oggi, lunedì 15 marzo, che – con i vertici dell’amministrazione regionale e delle forze dell’ordine attorno al tavolo – ha condiviso la strategia al riguardo.

La “ratio” è nella facoltà, riconosciuta alle regioni, di intervenire con provvedimenti restrittivi delle prescrizioni emanate dall’Esecutivo di Mario Draghi. Essendo questo il caso, il divieto di cui all’ordinanza regionale è legittimamente in essere e il provvedimento firmato Lavevaz costituisce il fondamento giuridico dal quale far discendere i relativi controlli. Questi, a quanto si apprende, non mancheranno, proprio per dare senso compiuto al contenuto dell’atto emanato dalla Regione sabato scorso.

Tanto che, a breve, il “tavolo tecnico” delle forze di polizia si metterà in moto per disporre le modalità delle verifiche, senza escludere nemmeno i “filtraggi” visti all’ingresso della Valle durante il primo “lockdown”. La logica che ispira tale linea – è emerso dalla seduta – è quella della protezione del sistema ospedaliero regionale, reale vulnerabilità della Valle parlando di lotta al Covid-19, considerato che intervenire quando il numero di casi ospedalizzati s’impenna è problematico, oltre che tardivo.

La valutazione delle autorità rappresentate nel Cosp è che la Valle ha sfiorato la “zona bianca” per un soffio e che la classificazione che la ha portata a colorarsi di arancione è stata ugualmente questione di variazioni numeriche minime. Limitare l’accesso alle seconde case, parallelamente all’avanzare della campagna vaccinale, ha l’obiettivo di creare e preservare le condizioni per un possibile ritorno in “giallo” all’indomani della Pasqua (che sarà in “zona rossa” per tutta l’Italia).

La strategia, però, vede anche del dissenso. Una prima presa di posizione è giunta dalla Lega Nord, che ha parlato di “misura incomprensibile dato che, in questo momento, il grande flusso turistico viene meno rispetto ad altri periodi dell’anno”. Non nota è poi la reazione del comune di Courmayeur, che negli scorsi giorni ha lanciato un “manifesto per lo smart working etico”, candidando la località a meta ideale per coniugare il lavoro in digitale con le meraviglie naturali, ma è plausibile che qualche perplessità ai piedi del Bianco ci sia eccome.

L’iniziativa (nata anche con il coinvolgimento di Skyway e degli albergatori) può infatti essere condizionata dal provvedimento di sabato scorso, tanto che il consigliere regionale Stefano Aggravi (che a Courmayeur vive) ha twittato oggi: “Ha senso promuovere lo #smartworking da parte dei turisti nelle nostre località e poi vietare l’accesso alle seconde case? #lockdownvda #ordinanze”. L’interrogativo resta in sospeso, assieme alla sensazione che sul contrasto alla pandemia il “Sistema Valle d’Aosta” continui a trovare delle difficoltà a dialogare.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

2 commenti su “Divieto di raggiungere le seconde case: in arrivo i controlli”

  • Buongiorno, io e mia moglie, residenti a Genova, ci siamo trasferiti presso la nostra seconda casa situata in una frazione di Courmayeur già dal mese di giugno dello scorso anno.
    La prossima settimana mi dovrò recare a Genova per ricevere la prima dose di vaccino anticovid.
    Stante quanto scritto nell’ordinanza 117 della regione VDA, all’art 2 (cinque righe) io non posso più rientrare presso il mio attuale domicilio. Premesso che ci siamo trasferiti in Valle proprio per mantenere un maggiore isolamento sociale, credo che qualche chiarimento in più , da parte dell’estensore dell’Ordinanza, andrebbe dato.

  • a dicembre la montagna piangeva per la mancanza di turisti: ha già smesso di piangere? situazione risolta? i turisti non ci servono più?
    speriamo che nessuno di quelli che devono darci i ristori se ne accorga e speriamo che i turisti, prima della nuova stagione, se ne siano già dimenticati….

Commenta questo articolo