Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 17 Novembre 2020 10:29

Un ospedale da campo per sottrarre il “Parini” alla morsa del Covid-19

Aosta - A metterlo a disposizione della nostra regione sarà l'Esercito, cui apparterrà anche il personale della sanità militare che opererà nella struttura. Prevista una capacità di 25/30 posti letto per pazienti da reparto ordinario.

Il sopralluogo per la costruzione dell'ospedale da campoIl sopralluogo per la costruzione dell'ospedale da campo

Ridurre la pressione dei ricoveri per #Covid-19 sul Parini, garantendo nel contempo una disponibilità di posti letto nella regione per i contagiati. E’ l’obiettivo dell’attivazione di un ospedale da campo, destinato ad essere allestito in un capannone alla “Pépinière d’entreprises”, nella zona sud di Aosta. La percorribilità dell’opzione è stata verificata nella mattinata di oggi, giovedì 12 novembre, in un sopralluogo cui hanno preso parte il capo della protezione civile regionale Pio Porretta, il coordinatore sanitario dell’emergenza Luca Montagnani e l’Esercito (con una delegazione guidata dal colonnello Massimiliano Pranzo), che metterà a disposizione la struttura.

Inizialmente, il progetto prevedeva che in Valle venisse spostato l’ospedale del contingente militare italiano in Libano, ma i tempi necessari per il trasferimento in nave e la situazione dei contagi hanno fatto propendere per una soluzione alternativa: l‘invio nella nostra regione di un modulo proveniente dal Piemonte. La struttura avrà una capacità di 25/30 posti letto per pazienti da reparto ordinario (e ci saranno comunque due posti di cure sub-intensive per eventuali emergenze), suddivisi in tende, che verranno comunque poste all’interno del capannone, per una superficie complessiva di 5/600 metri quadrati.

Nella struttura opererà personale della sanità militare. E’ previsto che l’allestimento duri tra i 10 e i 15 giorni, con le operazioni preparatorie che inizieranno domani da parte della protezione civile valdostana e l’arrivo delle unità dell’Esercito la prossima settimana, per dare corpo alla struttura, in modo da renderla operativa il più presto possibile. L’obiettivo è di chiudere, rendendo fruibili posti letto per infetti dal nuovo Coronavirus anche in altre strutture (l’ospedale da campo si aggiungerà ai 70 della clinica di Saint-Pierre, alla microcomunità di Variney e ai 12 della casa di cura JB Festaz di Aosta), almeno un reparto Covid al Parini, restituendo spazi alle altre specialità. Attualmente, 159 valdostani sono ricoverati nelle Covid unit e 16 in rianimazione.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo