Coronavirus, il Presidente Lavevaz: “L’attenzione deve essere altissima”

Il Presidente della Regione Erik Lavevaz: "I piccoli numeri della Valle d’Aosta possono portare a cambiamenti di colore anche per situazioni puntuali legati ai ricoveri."
Lavevaz
Politica

“Il ritorno in zona gialla è segno di una pressione ospedaliera che è ormai costante e che ha portato alla riapertura di reparti dedicati specificamente alla cura dei contagiati. ” Quando manca solo un ricovero in terapia intensiva per portare la nostra regione in zona arancione, il Presidente della Regione Erik Lavevaz interviene in Consiglio regionale invitando a tenere alta l’attenzione perché “i piccoli numeri della Valle d’Aosta possono portare a cambiamenti di colore anche per situazioni puntuali legati ai ricoveri.”

L’invito ai valdostani è ad aderire alla campagna vaccinale, evidenziando il primato valdostano sulla somministrazione delle terze dosi. “I dati sono inequivocabili: la grande maggioranza dei ricoverati è composta da chi ancora non ha aderito alla campagna vaccinale. Più che mai, ora, la vaccinazione è un dovere civico: l’immunizzazione protegge dalle forme più gravi della malattia, quelle che portano in ospedale e che quindi mettono in difficoltà anche chi deve accedere al sistema sanitario per altre patologie o per altri percorsi”.

Infine un passaggio sulle scuole. “Questa è una priorità del Governo centrale che condividiamo a pieno. Credo che garantire il più possibile la didattica in presenza sia un impegno di cui dobbiamo tutti farci carico, pensando a quanto sia fondamentale l’esperienza vissuta dai nostri bambini e dai nostri ragazzi in un’emergenza che anzitutto per loro è vissuta con tempi dilatati.  – dice in aula Lavevaz – La formazione a distanza non deve essere la normalità, e dobbiamo tutti impegnarci in questa direzione: siamo in una fase in cui alla lotta contro il contagio si affiancano spazi di convivenza con il virus, che dobbiamo imparare a gestire per riprendere in mano a pieno le nostre vite”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica