Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 5 Maggio 2021 13:04

Discariche, confronto in Commissione dopo la sentenza della Consulta

Aosta - Audizione dei Coordinatori dell'Avvocatura regionale, Riccardo Jans, e del Dipartimento regionale legislativo e aiuti di Stato, Roberta Quattrocchio per capire le conseguenze della sentenza della Consulta.

III Commissione Jans QuattrocchioIII Commissione Jans Quattrocchio

Il futuro di Pompiod e Chalamy alla luce della sentenza della Consulta che dichiarato l’illegittimità di parte della legge regionale sulla gestione di provenienza extraregionale dei rifiuti. Il tema è stato al centro ieri, martedì 4 maggio 2021, della III Commissione consiliare alla quale hanno preso parte i Coordinatori dell’Avvocatura regionale, Riccardo Jans, e del Dipartimento regionale legislativo e aiuti di Stato, Roberta Quattrocchio.

Il primo elemento emerso dall’audizione riguarda il fatto che la sentenza è relativa al rilascio delle nuove autorizzazioni e alle richieste di rinnovi ancora pendenti e non le vecchie autorizzazioni già rilasciate.

«È stato questo l’elemento principale emerso dall’audizione dei dirigenti regionali: un incontro molto partecipato, nel corso del quale i Commissari hanno posto molteplici e pertinenti domande – spiega il Presidente della Commissione Albert Chatrian -. Le informazioni così acquisite ci hanno permesso di definire il perimetro entro il quale l’Amministrazione regionale potrà operare, con particolare riferimento alla revisione del Piano rifiuti, nel quale andranno declinati i criteri, i principi, gli indirizzi, le aree non idonee, i pareri dei comuni e degli enti di controllo.”

Per Chatrian, all’epoca dell’approvazione della legge, assessore competente in materia di rifiuti, “i principi restano comunque validi e la regolamentazione del flusso dei rifiuti speciali provenienti da fuori Valle, unita alla limitazione dell’apertura di nuove discariche, in un’ottica di sostenibilità e tutela ambientale, rimangono gli obiettivi principali per affrontare il futuro della tematica nella nostra regione, sui quali si garantiscono il massimo impegno e la massima attenzione.”

Il confronto con i “legali” della Regione nasce dalla “preoccupazione legittimamente manifestata dalla comunità valdostana: la salvaguardia della salute dei cittadini e la tutela ambientale del territorio sono gli obiettivi più importanti da perseguire e per questo il percorso sulla questione dovrà essere franco e trasparente rispetto alle reali possibilità d’intervento.”

 

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo