A Cogne test sierologici gratuiti a tutta la popolazione

L'obiettivo "non è assolutamente quello di fornire una liberatoria a coloro che dovessero risultare immuni, bensì di valutare l’immunità sviluppata, al momento attuale, dell’intera popolazione di Cogne".
Cogne
Società

Tutta la comunità di Cogne sarà sottoposta gratuitamente a test sierologici. Ad annunciarlo è la stessa amministrazione comunale che spiega come l’obiettivo “non è assolutamente quello di fornire una liberatoria a coloro che dovessero risultare immuni, bensì di valutare l’immunità sviluppata, al momento attuale, dell’intera popolazione di Cogne e di mettere i risultati ottenuti a disposizione del Sistema sanitario regionale e della comunità scientifica nazionale e internazionale.” L’indagine prevederà il dosaggio quantitativo delle immunoglobuline specifiche di tipo G anti SARS-CoV-2.

Lo studio verrà condotto in collaborazione con il fisico Fabio Truc e con l’Università di Torino che fornirà
assistenza al Comune per l’analisi dei dati.

A livello regionale stanno nel frattempo proseguendo i “tamponamenti” di alcune categorie: dopo gli operatori delle microcomunità, le forze dell’ordine, i dipendenti regionali, gli igienisti e dentisti, ha preso il via lo screening degli addetti dei supermercati. Ai tamponi si affiancano due diverse indagini sierologiche.

Da una parte l’indagine epidemiologica nazionale che prevede per la nostra regione circa 4.500 test che verranno effettuati nel laboratorio del Centro Trasfusionale. La selezione dei soggetti a cui sarà effettuato un prelievo di sangue risponde a diversi criteri epidemiologi.

A questa indagine se ne affianca una seconda, effettuata dal Laboratorio di Microbiologia del Parini con metodologia Elisa che interesserà inizialmente gli operatori sanitari per poi allargarsi agli operatori delle strutture sul territorio di assistenza sociosanitarie, e poi ad altri operatori.

In tutti i casi la ricerca degli anticorpi, che ha una valenza esclusivamente epidemiologica, permetterà di scoprire se una persona è venuta a contatto con il virus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte