Alla Fondation Barry sono nati sette nuovi cuccioli di San Bernardo

La femmina di San Bernardo “Edène du Grand St. Bernard” è diventata mamma per la prima volta lo scorso 31 luglio di ben cinque femminucce e due maschietti, nati alla Fondation Barry di Martigny, comune svizzero del Canton Vallese.
La cucciolata di San Bernardo nata alla Fondation Barry lo scorso 31 luglio
Società

La femmina di San Bernardo “Edène du Grand St. Bernard” è diventata mamma per la prima volta lo scorso 31 luglio di ben cinque femminucce e due maschietti, nati alla Fondation Barry di Martigny, comune svizzero del Canton Vallese.

Il parto è andato bene – fanno sapere dalla Fondazione –, e mamma e cuccioli sono in perfetta salute. I piccoli – nati da Edène, femmina a pelo lungo, e da Gin von Liebegg, maschio a pelo corto – avranno nomi che iniziano con la letteraM”, che al momento non sono ancora stati decisi.

Questa è la prima cucciolata per Edène, che ha due anni e che a inizio anno ha ottenuto il riconoscimento come femmina da allevamento. Questa elegante cagnolina è nata alla Fondation Barry, dove è stata addestrata. Estremamente gentile, è anche vivace e intelligente e impara molto velocemente nuovi giochi ed esercizi.

Il padre dei cuccioli è invece un maschio da riproduzione riconosciuto dalla Société Cynologique Suisse, associazione ufficiale che preserva il pedigree dei cani di razza dal 1893. Questo San Bernardo a pelo corto di tre anni è nato a Gränichen, nel Canton Argovia. Anche Gin è diventato padre della sua prima cucciolata.

A partire dall’età di sei settimane, cioè circa a metà settembre, dovrebbe essere possibile vedere i cuccioli al Barryland, a Martigny. Nel frattempo, l’evoluzione dei cuccioli può essere seguita quotidianamente grazie alla webcam sul sito internet della Fondazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte