Società di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 19 Settembre 2019 17:30

Aosta, presentata la co-progettazione per i nido, non solo infanzia ma servizi ai quartieri

Aosta - Ampia l'offerta presentata da La Sorgente con il Comune di Aosta, oltre alla riapertura di "Farfavola" e "ApeLuna": dal sostegno alle famiglie alle attività di teatro, musica e danza per far "vivere le piazze".

Bambini all'asilo (immagine d'archivio)

La co-progettazione per i servizi all’Infanzia del Comune di Aosta prende ufficialmente il via, e non prevede una “semplice” riapertura dei due asili nidoFarfavolaeApeLuna che avevano chiuso i battenti con la fine del 2018.

È corposa, infatti, l’offerta “parallela” ai tre nido comunali di via Roma, viale Europa e “Berra”, messa in campo dall’Amministrazione del Capoluogo assieme alla cooperativa sociale La Sorgente con un duplice obiettivo: permettere alle famiglie di usufruire di un servizio più flessibile e coprire tutto il territorio cittadino a partire dal 1° ottobre. Ma non solo.

Lo spiega l’Assessore alle Politiche sociali Luca Girasole: “Riapriranno sia la ‘Farfavola’ sia l’’ApeLuna’, a quartiere Cogne e a quartiere Dora, coprendo così tutto il territorio comunale. Due strutture da 16 posti l’una, il cui fine è quello di sviluppare in modo sempre più forte la rete tra le famiglie ed i bambini con la cooperativa e l’Amministrazione, offrendo possibilità ai genitori di entrare a contatto negli spazi educativi a disposizione. Un progetto ambizioso, dalla durata di un anno rinnovabile e una sfida importante, perché sono convinto che la co-progettazione sia lo strumento del futuro per la gestione di questo tipo di servizi, dal momento che rispetto ad una gara d’appalto il suo ‘tavolo’ è sempre aperto e ha una forma molto meno rigida”.

Servizi per l’Infanzia, servizi per il quartiere

La prima delle tre macroaree alle quali si riferisce Girasole è “Tenersi per mano”, che offre sostegno alle famiglie, un accompagnamento nel processo di crescita dei bambini ma un momento di ascolto e sportello psicologico per i genitori oltre a servizi “salvatempo” per le piccole commissioni delle famiglie, sostegno alle famiglie con bambini disabili, incontri sulla sicurezza e sulle dipendenze dai nuovi media ed uno spazio di coworking.

C’è poi l’area chiamata “Girotondo”, con sede alla “Farfavola”, che punta sulla prevenzione e la coesione per le fasce più fragili che ad uno sportello di mediazione culturale e abitativa lega attività e laboratori intergenerazionali, servizi di babysitting.

Terza è “Vivere la piazza”, pensata per fare (ri)vivere gli spazi dei quartieri ai bambini e alle famiglie attraverso laboratori di teatro, musica e danza, gite e soggiorni ma anche con un servizio “di ritorno” come quello della ludoteca all’interno di “Farfavola”.

“Abbiamo cercato di vedere i quartieri per come sono – spiega Giulia Henriet, coordinatrice del progetto -,cercando di rispondere alle esigenze di chi ci vive. Quartiere Dora è principalmente abitato da famiglie giovani con bimbi, mentre quartiere Cogne è composto da molte famiglie di immigrati o con situazioni di disagio, e servivano progetti diversi per le diverse esigenze delle due zone”.

Chiave, in questo senso, proprio “Farfavola” e “ApeLuna”: “I due asili nido, oltre che servizi socio-educativi – prosegue Henriet -, sono anche presìdi e punti di riferimento per i quartieri, con una serie di attività di supporto psicologico per tutte le famiglie, ma anche spazi di incontro”.

Concetto rafforzato anche dal Presidente de La Sorgente Riccardo Jacquemod: “Contiamo di poter fornire un bel servizio nei quartieri -spiega -, pensiamo sia importante. I presìdi che riusciremo a rendere attivi sono inseriti dentro due realtà della città importanti dal punto di vista abitativo e cogliamo questa opportunità con grande entusiasmo”.

Obiettivo che, come spiega invece la Vicepresidente della cooperativa sociale, Stefania Sacchi, trova nel “mezzo” il suo valore aggiunto: “Abbiamo voluto vedere in maniera ampia e trasversale le esigenze delle due zone geografiche e capire i bisogni reali per i quali abbiamo immaginato delle attività mirate da svolgere. La co-progettazione, essendo meno rigida, è molto più aderente alle necessità della comunità e più facilmente rimodulabile nelle sue parti”.

Le iscrizioni e le tariffe

A partire da domani sarà possibile iscriversi ai due asili nido recandosi direttamente nella sede de La Sorgente, in via Binel 12, ad Aosta. Qui è sufficiente compilare il modulo in cui esprimere le proprie preferenze riguardanti i servizi bimbi, ed anche i “desiderata” per un servizio flessibile nei orari e per gli giorni di apertura.

Sui costi interviene Sacchi: “Abbiamo pensato, per una fruibilità sporadica per un’ora qua e là, una tariffa da 10 euro l’ora. L’accesso per 10 ore avrà il prezzo di 70 euro, 65 ore 250 euro e 200 ore di 300 euro, da pagare anticipatamente ma da fruire quando si vuole. Per chi ha bisogno di un utilizzo più frequente del servizio i prezzi vanno da quelli delle 130 ore a 250 euro, con portabilità di quelle avanzate al mese successivo, senza obbligo di frequenza mensile, alle oltre 160 ore a 295 euro, pasto escluso che può essere integrato con un’altra tariffa”.

Costi che incentivano la partecipazione massiccia, che conviene. O, per dirla ancora con Girasole: “Senza vincolo mensile ma praticamente bimestrale di 130 ore a 250 euro parliamo di meno di due euro l’ora”.

co-progettazione infanzia - asili nido
Da sx Sacchi, Girasole, Henriet e Jacquemod

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo