Società di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 1 Dicembre 2020 10:15

Coronavirus, si abbassa la “pressione” sul Parini. In settimana si riaprirà un reparto per l’attività ordinaria

Aosta - A spiegarlo l'Assessore alla Sanità Barmasse: "Abbiamo un netto calo dei ricoveri. In questo momento ci sono 78 persone ricoverate al Parini, 46 all’Isav di Saint-Pierre e 11 pazienti in Rianimazione". 22, invece, i pazienti a Variney, in attesa dei primi ricoveri, mercoledì o giovedì, all'ospedale da campo.

Ospedale PariniOspedale Parini

“In Valle d’Aosta c’è un miglioramento di tutti i dati, non solo negli ultimi giorni ma due settimane”.

A dirlo, in conferenza stampa di Giunta, l’Assessore alla Sanità Roberto Barmasse. Numero che cominciano a dare un po’ di respiro al Sistema sanitario valdostano: “A livello ospedaliero – ha spiegato –, abbiamo un netto calo dei ricoveri. In questo momento ci sono 78 persone ricoverate al Parini, 46 all’Isav di Saint-Pierre e 11 pazienti in Rianimazione. Si sta riducendo il numero degli accessi al Pronto Soccorso, riducendo la come pressione sul presidio ospedaliero”.

Questione non da poco, non solo per la “pressione” sul Parini di per sé, ma anche per permettere al nosocomio di riprendere – almeno in parte – l’attività ordinaria.

Barmasse, infatti, spiega: “Questi numeri ci permetteranno di riaprire in settimana un altro reparto per le attività ordinarie, il nostro scopo da sempre”.

Un aiuto arriva anche dall’Ospedale da campo allestito nella zona “Espace Aosta”: “Aprirà nei prossimi giorni – aggiunge l’Assessore – e mercoledì e giovedì ci saranno i primi ricoveri di pazienti ad intensità intermedia, il che ci permetterà di togliere ulteriori pazienti dall’ospedale mantenendo la stessa intensità di cure, in una struttura in cui lavora il personale competente dell’Esercito, che ringraziamo e che ci sgrava ulteriormente”.

A questo si aggiunge la microcomunità di Variney, che al momento ha “22 ricoverati – prosegue Barmasse –, che significa 22 persone in meno che gravitano sull’ospedale”.

L’attenzione, comunque, va tenuta alta: “Dal punto di vista sanitario la situazione vede un miglioramento importante, ma questo non vuol dire che dobbiamo abbassare la guardia, perché come siamo migliorati tantissimo in poco tempo è facile peggiorare in fretta. Con comportamenti responsabili, invece, sarà possibile migliorare ulteriormente”.

L'Assessore regionale alla Sanità Roberto Barmasse
L’Assessore regionale alla Sanità Roberto Barmasse

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo