Courmayeur, regolamentati gli accessi alle valli Ferret e Vény. Potenziato il trasporto pubblico

La Giunta comunale ha deciso di spingere per l’utilizzo di mezzi pubblici sul territorio locale nel periodo estivo, puntando sul trasporto sostenibile. Nelle due valli l'accesso sarà regolamentato da un servizio di vigilanza.
Val Vény
Società

Incentivare l’utilizzo di mezzi pubblici, da un lato, ma anche fare i conti con le misure restrittive anti-Covid-19, regolamentando gli accessi sia in Val Ferret, sia in Val Vény.

La Giunta comunale di Courmayeur, sul lato trasporti, ha deciso di spingere per l’utilizzo di mezzi pubblici sul territorio locale nel periodo estivo, puntando sul trasporto sostenibile attraverso il servizio pubblico, gestito da Savda.

Per questo, l’esecutivo del Comune ai piedi del Bianco ha approvato la delibera che copre i costi derivanti dalla compartecipazione al 20% sui servizi di trasporto turistici estivi regionali “tradizionali” per la Val Vény e la Val Ferret, dal 27 giugno al 30 agosto 2020 per un importo complessivo di 35mila 355 euro.

Atto approvato che definisce anche la compartecipazione all’onere diretto dei servizi integrativi a completamento del piano di trasporto pubblico di linea regionale resasi necessaria per le misure restrittive anticontagio in vigore sui mezzi, per una prima tranche pari a 100mila euro.

Il nuovo programma di trasporto pubblico, sempre dal 27 giugno al 30 agosto, integra anche il numero di navette e incrementa la frequenza sulle due valli e sulla Circolare nei periodi più intensi di presenza turistica, con frequenze fino a un massimo di 10 minuti per arrivare a 30 minuti nei periodi meno intensi.

Gli accessi alle valli Vény e Ferret

Tra le delibere approvate dalla Giunta anche quella sulla regolamentazione degli accessi nelle valli nel corso dell’estate 2020, tramite apposito servizio di vigilanza esterno, attivo in Val Ferret nei giorni 4 e 5 luglio e, in seguito, dall’11 luglio al 31 agosto dalle 9 alle 17. Un addetto sarà a Lavachey, uno a Planpincieux, uno a La Palud e un altro ancora itinerante.

Per la Val Vény, invece, il servizio sarà attivo dall’11 luglio al 31 agosto dalle 9 alle 17 con una postazione di controllo.

Il servizio di vigilanza si occuperà del supporto e informazione rispetto alla regolamentazione della viabilità e della sosta; anche sull’ordinanza stessa di regolamentazione, la gestione del flusso di veicoli e nel caso di mancato rispetto dell’ordinanza o di comportamenti illeciti, della segnalazione alla Polizia Locale e Forze dell’Ordine, oltre alla movimentazione della sbarra e gestione del semaforo.

Giunta che, nel frattempo, sta attivando le procedure per la sostituzione dei pass di accesso alle valli e all’informatizzazione del loro rilascio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società