Eurovision Song Contest, lo stilista valdostano Fabio Porliod veste Neja

La cantautrice di Torino Neja, che ha alle spalle più di 4 milioni di dischi venduti, si è presentata con la band romana di Luca Guadagnini, con il pezzo “Questione di fortuna” alle semifinali del concorso canoro “Una voce per San Marino”, selezione ufficiala di Eurovision Song Contest.
Neja
Società

C’era anche una creazione dello stilista valdostano Fabio Porliod alla terza semifinale del concorso canoro “Una voce per San Marino”, selezione ufficiala di Eurovision Song Contest, andata in onda ieri, mercoledì 22 febbraio, su Sky e sul digitale terrestre.

Neja è salita, infatti, sul palco con una creazione di Porliod. La cantautrice di Torino che ha alle spalle più di 4 milioni di dischi venduti si è presentata con la band romana di Luca Guadagnini, con il pezzo “Questione di fortuna”.

Neja e Fabio Porliod
Neja e Fabio Porliod

“Ormai posso dire di essere diventato il suo stilista personale, oltre che amico. La prima volta l’ho vestita per il concerto all’arena di Verona andato in onda sulla Rai, poi per Telethon sempre sul Rai e anche per un evento a Sanremo dove Neja ha ricevuto un premio alla carriera. Fin da subito c’è stata una perfetta alchimia e lei si è affidata a me per tutti i suoi impegni più importanti e per questa occasione ha indossato una mia creazione interamente realizzata in tulle nero (circa 95 metri) con la gonna corta davanti e lunga dietro con un po’ di strascico”.

Domenica 26 febbraio le creazioni di Porliod sfileranno in passerella a Roma per l’evento “Bella – Open Day” e per l’occasione avrà come sua testimonial l’influencer e personaggio televisivo Selvaggia Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte