Fase2, #RistoratoriPerIlParini va in archivio con oltre 600 pasti consegnati

A contribuire all'iniziativa sono stati Locanda Urbana, B63 – Tutta un'altra birra, Sushi Koi, Fruit Koi, Puburger, Oriental Bambù Restaurant, Delizia e Natura, Gelato Pazzo, Bar Cristallo mentre un supporto tecnico e materiale è arrivato da  Pinsette Aosta di Alessandro Lunardi (Spillette, gadget, adesivi Fuck Covid-19) e HeroBike (Fornitura mezzi di trasporto elettrici).
Locanda Urbana
Società

Il peggio sembra ormai passato. Dopo due mesi e più trascorsi a consegnare pasti agli operatori sanitari impegnati nell’emergenza covid-19, va in archivio l’iniziativa #RistoratoriPerIlParini. Una decina le attività coinvolte che hanno portato ad infermieri, medici e Oss oltre 600 pasti. 

“Finalmente l’emergenza sanitaria sembra volgere al termine. – spiega una nota – Auspicandoci che il trend continui ad essere questo, volgiamo al termine l’iniziativa #RistoratoriPerIlParini, ringraziando tutte le attività che vi hanno preso parte e ringraziando tutti gli operatori sanitari che hanno vissuto questi ultimi due mesi combattendo contro una pandemia senza precedenti”.

A contribuire all’iniziativa sono stati Locanda Urbana, B63 – Tutta un’altra birra, Sushi Koi, Fruit Koi, Puburger, Oriental Bambù Restaurant, Delizia e Natura, Gelato Pazzo, Bar Cristallo mentre un supporto tecnico e materiale è arrivato da  Pinsette Aosta di Alessandro Lunardi (Spillette, gadget, adesivi Fuck Covid-19) e HeroBike (Fornitura mezzi di trasporto elettrici).

“Termina qui il nostro supporto e mai spenderemo questo momento in campagne marketing,  – prosegue la nota – si è trattato di un momento di solidarietà e vicinanza a chi era sul fronte e ci riproponiamo pronti a intraprendere lo stesso operato qualora, e ci auguriamo di no, sia di nuovo necessario.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte