Ferrovia, presentata la bozza dei nuovi orari: si allunga il tempo di percorrenza dell’Aosta-Torino

Secondo la bozza dei nuovi orari presentata ieri, dal 1° dicembre per andare a Torino ci vorranno dai 10 ai 20 minuti in più. Trenitalia e Ferrovie Italiane si sono detti pronti a raccogliere suggerimenti. Presto un nuovo tavolo di confronto.
Stazione di Aosta
Società

Dai dieci ai venti minuti in più per raggiungere Torino. E’ questa la principale novità emersa ieri dall’incontro, organizzato dall’Assessorato regionale ai trasporti, tra l’associazione Pendolaristanchi, i referenti sindacali dei ferrovieri e di Federconsumatori, e alcuni rappresentanti di Trenitalia e Ferrovie Italiane, per la presentazione della bozza del nuovo orario dei treni che entrerà in vigore dal 1° dicembre.

“Le criticità del documento che ci è stato sottoposto – spiega Antonio Fuggetta della Cgil – riguardano le rotture di carico, cioè i cambi di treno, tutte concentrate a Ivrea, e la rimodulazione della cadenza delle corse, pensate per assicurare maggiori coincidenze, che sommate produrrebbero l’aumento dei tempi di percorrenza dell’Aosta-Torino”.

Trenitalia e Ferrovie Italiane si sono dette pronti a raccogliere eventuali suggerimenti e cambiamenti da concretizzare nei limiti del possibile: per questo motivo le parti in causa sono al lavoro per approfondire la questione e stilare una proposta di modifica da presentare al prossimo incontro.

I tempi per analizzare il documento e presentare eventuali correzioni sono strettissimi – continua Fuggetta – inoltre questo nuovo orario s’inserisce in una riorganizzazione più ampia che coinvolge non solo la Valle d’Aosta ma anche e soprattutto il Piemonte, con un’attenzione particolare per la stazione di Torino Stura. Il nostro obiettivo è quello di garantire la fruibilità del servizio limitando il più possibile proprio l’aumento del tempo percorrenza”. Nei prossimi giorni i soggetti coinvolti torneranno a riunirsi per un nuovo tavolo di confronto.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte