Misure anticrisi, il trasporto pubblico in regione resta gratuito per tutto il 2020

La decisione, tra le misure del ddl di Assestamento di bilancio, garantisce il libero accesso ai mezzi fino al 31 dicembre per il trasporto su gomma. Riguardo la ferrovia, invece, i passeggeri potranno farsi rimborsare i titoli di viaggio acquistati e utilizzati.
Fermata SVAP Piazza Manzetti
Società

Trasporto pubblico gratuitosia su gomma, sia per la ferroviaper tutto il 2020, e un’iniezione di risorse per le aziende concessionarie della Regione del 20% in più rispetto ai corrispettivi spettanti.

Anche attraverso la mobilità la Giunta regionalecon l’Assestamento di bilancio previsionale, il cosiddetto “Terzo pacchetto di misure anticrisi” – cerca di rialzare la testa dopo il blocco delle attività.

“Al fine di sostenere i costi sopportati dalle famiglie e dai lavoratori, di riavvicinare l’utenza all’utilizzo dei mezzi pubblici e di garantire il rispetto delle misure di sicurezza per la prevenzione e il contrasto della diffusione dell’epidemia di Covid-19 – si legge nel testo del ddl –, per l’anno 2020, è garantita la gratuità del trasporto dei passeggeri sui mezzi di trasporto pubblico locale, su gomma e su ferro”, quindi fino al 31 dicembre.

Le aziende concessionarie del trasporto pubblico su gomma – si legge ancora nel documento – consentono il libero accesso ai mezzi e i corrispettivi loro spettanti sono incrementati del 20%.

Diverso il discorso per la ferrovia, con i passeggeri dei treni del servizio di trasporto regionale valdostano che hanno diritto, a domanda, di farsi rimborsare i titoli di viaggio acquistati e utilizzati “secondo le ulteriori modalità procedimentali stabilite con deliberazione della Giunta regionale”.

Il tutto per un finanziamento complessivo di 2 milioni 360mila euro.

Stazione Ferroviaria di Aosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte