FOTOSocietà

Ultima modifica: 8 Luglio 2021 15:56

“Stop cinghiali”, anche ad Aosta un flash mob di sensibilizzazione sulla problematica

Aosta - A sollevarla è stata Coldiretti, questa mattina, con un flash mob di sensibilizzazione, organizzato a livello nazionale insieme alle altre federazioni regionali, per richiamare l’attenzione della politica e dei cittadini sulla problematica dei cinghiali.

La “questione cinghiale” approda anche in Valle d’Aosta. A sollevarla è stata Coldiretti, questa mattina, con un flash mob di sensibilizzazione, organizzato a livello nazionale insieme alle altre federazioni regionali, per richiamare l’attenzione della politica e dei cittadini sulla problematica dei cinghiali. Con l’emergenza Covid, infatti, si è registrato un aumento incontrollato di questo tipo di fauna che sta causando grandi disagi in molte campagne, nei borghi, nei paesi e nelle città-medio piccole di diverse regioni, fino a lambire in maniera sostanziale le aree periferiche delle grandi città.

La manifestazione si è svolta in Piazza Deffeyes, sotto il palazzo regionale dove era in corso l’adunanza del Consiglio regionale della Valle d’Aosta. “Grazie anche alla legislazione attualmente in vigore nella nostra regione il fenomeno dei cinghiali è a livelli diversi rispetto ad altre regioni italiane, riteniamo che non si possa abbassare la guardia e si debba agire in modo preventivo per difendere  le colture, la biodiversità, tutelare i contadini e la popolazione in generale” ha sottolineato Alessio Nicoletta, Presidente di Coldiretti Valle d’Aosta.

I manifestanti, agricoltori e allevatori soci della associazione valdostana –  hanno distribuito ai passanti sacchetti patatine e popcorn madeinvda, esempio classico, le patate e il mais, tra le molteplici produzioni bersaglio della devastazione dei cinghiali. “La nostra iniziativa si pone anche in solidarietà di altre regioni dove questi animali selvatici distruggono produzioni alimentari, sterminano raccolti, assediano campi, causano incidenti stradali con morti e feriti” spiega Elio Gasco, Direttore di Coldiretti Valle d’Aosta.

DSCF
DSCF

Una delegazione, composta da Alessio Nicoletta ed Elio Gasco con il vicepresidente di Coldiretti Fabrizio Chenal, Omar Tonino e Edy Henriet, rispettivamente Presidente e Direttore di Arev, Marino Denarier e Jair Vidi, Delegato regionale Giovani Impresa, è stata ricevuta a Palazzo regionale dal Presidente della Regione Erik Lavevaz e dall’Assessore all’Agricoltura e Risorse Naturali Davide Sapinet. “Il governo regionale ha dimostrato grande attenzione alla problematica da noi sollevata. In quest’ottica abbiamo consegnato loro un documento con due proposte di modifiche normative, una a livello nazionale e una a livello regionale ad integrazione del programma regionale di controllo della specie cinghiale” ha spiegato ancora Nicoletta.

 “Il nostro auspicio è che la Valle d’Aosta, anche se non coinvolta dal problema in modo drammatico come altri territori, ponga la massima attenzione sul tema e accolga le nostre proposte per rendere ancora più efficaci sia la legge regionale sulla gestione della fauna selvatica sia il piano di controllo del cinghiale” conclude Elio Gasco.

DSCF
DSCF

 

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo