Società di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 17 Novembre 2020 10:35

Usl, nasce il progetto di “bed management” per la dimissione dei pazienti Covid

Aosta - Il progetto IN.DI.CO. ha l'obiettivo di favorire il rientro a domicilio o il trasferimento dei pazienti positivi nelle strutture esterne all’ospedale, puntando ad una presa in carico anche dopo il periodo di ospedalizzazione e liberare posti letto nei reparti.

Ospedale PariniOspedale Parini

Si chiama IN.DI.CO. – acronimo di “Ingresso, dimissione, Covid”il progetto di attivazione dell’unità di bed management e dimissione dei pazienti dai reparti Covid dell’ospedale “Parini” che prende avvio oggi, giovedì 5 novembre.

Progetto che nasce con l’obiettivo di ottimizzare le risorse professionali e l’attività dei reparti Covid.

Tenendo presente che i pazienti Covid positivi devono essere ricoverati secondo diverse tipologie di gravità clinica assistenziale e che ogni reparto Covid ospedaliero presenta specifiche caratteristiche – si legge in un nota dell’Azienda Usl -, il progetto IN.DI.CO. prevede un gruppo di lavoro dedicato al bed management (gestione dei posti-letto), che risponde alla funzione di trovare le soluzioni appropriate per i pazienti provenienti dal Pronto soccorso o dagli stessi reparti Covid”.

Un secondo gruppo di lavoro previsto dal progetto – prosegue l’Usl – si occupa della dimissione dei pazienti. In questo caso, la funzione specifica è quella di favorire il rientro a domicilio o il trasferimento dei pazienti positivi al Covid-19 presso le strutture esterne all’ospedale, come la clinica Isav di Saint-Pierre o altre in via di definizione.

Il progetto e i gruppi di lavoro sono coordinati dai Responsabili Professionali Dipartimentali del Dipartimento della Direzione medica del presidio ospedaliero, del Dipartimento delle Discipline mediche e delle Discipline chirurgiche.

“La dimissione dei pazienti positivi e stabilizzati verso il domicilio o altre strutture richiede un collegamento attivo tra i reparti Covid e l’Isav (e, a breve, altre destinazioni) – spiega il commissario Usl, Angelo Pescarmona ed anche una profonda interazione con i servizi domiciliari e quelli sul territorio. Tutto questo richiede una analisi attenta e specifica per ogni paziente. L’obiettivo del progetto, che si integra con le altre iniziative già in essere, è quello di fornire ai pazienti una presa in carico anche dopo il periodo di ospedalizzazione. Ci attendiamo risultati importanti sul piano dell’aumento della disponibilità di posti letto nei reparti Covid e una qualità della dimissione più serena e più sicura per i pazienti e per le loro famiglie”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo