VIDEO Società

Ultima modifica: 17 Novembre 2020 10:35

Zone rosse, Brusaferro: “Difficoltà a raccogliere i dati in Valle d’Aosta”

Aosta - "La Valle d’Aosta, per un motivo di difficoltà a raccogliere i dati dovuta anche al numero di casi significativi, per un periodo consistente fa fatica a presentare i dati, e questo secondo gli algoritmi di rischio definito porta ad un rischio alto”, ha spiegato in conferenza stampa il Presidente dell'Istituto superiore di Sanità.

“Sono emersi i dati di regioni che si trovavano nel momento della valutazione con un Rt di limite inferiore e avevano una classificazione del rischio elevata. In particolare la  Valle d’Aosta, per un motivo di difficoltà a raccogliere i dati dovuta anche al numero di casi significativi che si sono verificati in queste settimane, per un periodo consistente fa fatica a presentare i dati, e questo ovviamente è un marker di grande difficoltà del sistema e secondo gli algoritmi di rischio definito porta ad un rischio alto”.

Questa la spiegazione dell’inserimento della Valle d’Aosta nell’area rossa assieme a Calabria, Piemonte e Lombardia. A spiegarlo, in conferenza stampa, è stato Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità.

“Nell’ultima settimana lo scenario ha visto delle regioni a rischio alto – ha aggiunto -, alcune di queste hanno un problema di stabilità del dato che stanno rafforzando in questi giorni”.

Parole che confermano in parte quanto spiegato questa mattina in Consiglio regionale – nel quale la discussione sulla zona rossa è stata al centro del dibattito – dall’Assessore alla Sanità Roberto Barmasse: “Ci sono stati effettivamente dei ritardi nella trasmissione dei dati, ma appena lo abbiamo saputo abbiamo implementato il Dipartimento prevenzione di cinque veterinari e undici persone per il contact tracing. Non credo che tutta la colpa della classificazione della nostra regione in zona rossa sia da imputare unicamente a questi dati: ci sono dei correttivi da apportare, ma resta il fatto che le cifre riguardanti la Valle d’Aosta non sono buone”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

3 commenti su “Zone rosse, Brusaferro: “Difficoltà a raccogliere i dati in Valle d’Aosta””

  • Che dire…oltre a essere governati male… siamo le cicale che in inverno piangono perché non hanno raccolto niente quest’estate…e si sono dati alla pazza gioia… Io mi chiudo in casa fino a tempi migliori, poi ognuno faccia quello che vuole…

  • Che dire… oltre a essere (stati) governati male siamo le cicale che in inverno piangono perché non hanno raccolto niente quest’estate… e si sono date alla pazza gioia… Io mi chiudo in casa in attesa di tempi migliori… poi ognuno faccia quello che vuole…

Commenta questo articolo