Politica di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 6 Novembre 2020 15:49

Nuovo Dpcm: la Valle d’Aosta è in zona rossa

Aosta - La conferma è arrivata alle 20.20 dal Premier Giuseppe Conte, nel corso di una conferenza stampa.

Conferenza stampa ConteConferenza stampa Conte

Dopo un giorno e oltre di indiscrezioni la conferma è arrivata alle 20.20 dal Premier Giuseppe Conte, nel corso di una conferenza stampa: la Valle d’Aosta rientra fra le zone rosse, assieme a Calabria e Piemonte e Lombardia. La decisione è stata presa, come ha ricordato il Presidente del consiglio dei ministri, sulla base di 21 indicatori delineati nel decreto che sono stati oggi, per tutto il giorno, all’esame del Comitato tecnico scientifico.

L’Ordinanza del Ministro della Salute Speranza , che contiene la divisione delle regioni in zone rosse, arancioni e gialle, è stata emanata ieri e avrà validità dal 6 di novembre e per un periodo di 15 giorni, terminato il quale la situazione delle regioni verrà rivalutata. Anche il nuovo Dpcm entrerà in vigore venerdì 6 novembre.

Le misure per le zone rosse

Nella cosiddetta “zona rossa” sono vietati gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori, e anche quelli spostamenti all’interno dello stesso territorio, fatto salvo che per le ormai note comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o d’urgenza o per motivi di salute.

Come durante il “lockdown” primaverile chiuderanno barristorantipasticcerie, le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità  individuate nell’allegato 23.

Allegato 23
Allegato 23

Resteranno aperti parrucchieri e barbieri e lavanderie.

Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.

Resta consentita solo la ristorazione con consegna a domicilio e quella d’asporto fino alle 22, e con il divieto di consumare il cibo sul posto o nelle vicinanze.

Rimangono aperti i negozi di alimenti e bevande nelle aree di servizio e di rifornimento carburante lungo le autostradenegli ospedali e negli aeroporti, così come restano aperte le industrie.

La didattica a distanza, invece, partirà dalla seconda media. Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali

E’ consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie; è altresì consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

2 commenti su “Nuovo Dpcm: la Valle d’Aosta è in zona rossa”

  • Sarebbe utile sapere che influenza hanno avuto sui dati della VDA azioni scellerate come la battaglia tra ruminanti e apertura degli impianti. Ma lo spettacolo deve continuare, mica la scuola.

  • Letteralmente una vergogna!!! VALLE D’AOSTA regione a statuto autonomo,si è fatta schiacciare!!! Siamo in zona Rossa solo perché siamo calmi e buoni… Dobbiamo prendere esempio dalle altre regioni???

Commenta questo articolo