La didattica a distanza ha funzionato?

Sta funzionando nell’ottica di sostituto, palliativo, didattica che dobbiamo usare per forza, non c’è altra scelta. Ma la scuola è altro, la scuola è fatta di relazioni, si apprende attraverso le emozioni, e dentro ad un video quelle sono più distanti, sospese, a volte artefatte.
studenti distanza
Basta un po’ di educazione

Diciamocelo. Sono stati due mesi tosti. Per i docenti, per i nostri figli, per noi genitori.
Questa Didattica a distanza sta funzionando? Sni, come spesso dicono i ragazzi adolescenti.
Sta funzionando nell’ottica di sostituto, palliativo, didattica che dobbiamo usare per forza, non c’è altra scelta.
Ma la scuola è altro, la scuola è fatta di relazioni, si apprende attraverso le emozioni, e dentro ad un video quelle sono più distanti, sospese, a volte artefatte.

La classe è un sistema di relazioni, che è venuto a mancare. Molti insegnanti sono stati bravissimi, hanno imparato ad usare strumenti per alcuni sconosciuti, sono diventati dei mezzi youtuber, sono andati ad agganciare i loro studenti e le loro famiglie uno ad uno, sono riusciti a non lasciare indietro nessuno. E questo era l’obiettivo prioritario.

Hanno saputo tenere impegnati bambini e ragazzi con attività creative e intelligenti, senza affaticare troppo le famiglie nella gestione di questo pezzo.
Molti altri, invece, ahimé, non sono riusciti a ristrutturarsi; hanno caricato troppo le famiglie, hanno continuato a “fare lezione” con i ragazzi, semplicemente attraverso uno schermo anziché seduti alla cattedra. Si sono attaccati al programma, invece che al buon senso.
Ora la grande sfida è capire come chiudere al meglio questo strano anno scolastico, e soprattutto come ripartire a settembre. Qui trovate la puntata numero 1 delle mie riflessioni sulla scuola.
Per la puntata numero 2, dove metterò nero su bianco le mie idee per la riapertura a settembre, vi lascio sulle spine qualche giorno.

Netflix docet!

0 risposte

  1. certo che no! con un bambino di 6 anni che ha fatto quattro mesi scuola e sa a malapena contare e leggere malamente, a casa non combina molto… i genitori non hanno molto tempo da dedicare, nemmeno hanno la tecnica per un rapido apprendimento e l’assenza della autorità degli insegnanti è letale… manca il coinvolgimento emotivo dei compagni che aiuta a rendere l’apprendimento meno noioso, a casa si è svogliati e mal motivati per qualsiasi attività, farli concentrare è sempre più difficile, le video lezioni sono viste con meno interesse rispetto alle prime e le lezioni ‘live’ sono quasi solo un momento di caciara… forse per ragazzi più ‘adulti’ e con gia sufficiente preparazione sarà più facile, ma per bambini piccoli l’attività di insegnamento remota serve davvero a poco… 🙁

  2. La DAD è stata un palliativo sicuramente, ma non tutto è da buttare… Alcuni studenti si sono anche trovati bene, penso agli iperattivi per i quali stare tante ore in classe seduti e concentrati è dura… ma non solo per loro…
    Vogliamo parlare anche della questione “disciplina”? Questa situazione strana dovrebbe diventare un’occasione per ripensare un po’ il nostro sistema scuola… almeno nella secondaria….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte