I lettori di Aostasera di I lettori di Aostasera |

Ultima modifica: 16 Novembre 2020 12:55

Non chiudete le scuole!

Aosta - Riceviamo e pubblichiamo la riflessione di una nostra lettrice sull'ipotesi di chiusura, per un periodo, delle scuole di ogni ordine e grado.

Bambini bambino tv televisione scuola didattica a distanza

In merito alla notizia sull’intenzione di chiudere la scuola primaria e dell’infanzia vorrei esprimere il mio sconcerto e una profonda preoccupazione.
Sono mamma di due bambini che frequentano il primo e il quarto anno della scuola primaria e posso testimoniare quanto la scuola, gli insegnanti, tutti gli operatori scolastici e i bambini si siano sforzati di essere ligi alle regole giustamente imposte per preservare la salute pubblica nonché la sicurezza dell’ambiente scolastico e di tutte le persone coinvolte.
I bambini hanno accettato senza lamentarsi di indossare la mascherina durante tutta la giornata, di rinunciare spesso agli intervalli e alle attività di gruppo che fino a poco tempo fa alleggerivano la giornata scolastica perché loro stessi comprendono e si adattano alle necessità e alle regole imposte.

Ora dopo tutto ciò, dopo che si è avuta evidenza che i contagi all’interno della scuola primaria sono stati minimi, dopo aver visto la gran parte dei genitori e dei bambini indossare la mascherina e attenersi alle precauzioni richieste anche all’esterno della scuola, non riesco a tacere davanti all’ipotesi che viene messa sul tavolo, ossia la chiusura totale delle scuole di ogni ordine e grado. Mi stupisce e mi addolora ma soprattutto non comprendo la necessità di intervenire sulla scuola primaria.

In caso di personale o di un bambino contagiato, giustamente le classi vengono chiuse per il tempo necessario della quarantena; nella classe di mio figlio, per esempio, i bambini sono stati a casa 10 giorni dall’ultimo contatto con una maestra positiva e poi dopo il tampone rapido (o trascorsi i 14 giorni per chi non ha voluto sottoporre i figli al suddetto tampone), la classe ha regolarmente riaperto… Perché non si può continuare così? E’ meglio chiudere a “spot” qualche classe quando necessario o lasciare a casa tutti i bambini della Valle d’Aosta? E non ci si dica che tanto è solo per una settimana, perché lo sappiamo bene che alla fine non sarebbe per una sola settimana…

Mi chiedo perché non si consideri quanto possa essere dannosa questa decisione per i nostri bambini. La
scuola rende possibile la socializzazione necessaria al sano sviluppo psicologico dei bambini, permette loro di apprendere le regole, alle quali peraltro loro si adeguano molto più facilmente di noi adulti, e non ultimo di continuare ad alfabetizzare un’intera generazione sviluppando intelletto e capacità di attenzione che costituiscono le basi della crescita.

Senza entrare nel merito delle difficoltà per le famiglie nel gestire dei bambini a casa e contemporaneamente continuare a lavorare (magari dovendo far accudire i figli dai nonni anziani da tutelare), che sono note a tutti, vorrei proprio porre l’attenzione sul grave danno che segnerà la crescita e la psiche dei bambini che hanno già subito un lockdown da marzo fino alla fine dell’anno scolastico scorso.

Insegnanti di scuola e promotori delle attività sportive hanno ritrovato molti bambini regrediti notevolmente non solo per quanto riguarda la loro preparazione ma anche per la capacità di concentrazione e apprendimento. Perché si vuole esporre i bambini una seconda volta a questo pericolo? Secondo i media l’indice Rt sta già scendendo, quindi che bisogno c’è? Se stiamo tutti a casa è chiaro che scenderà ancora qualche altro indice ma non perché ci saranno meno contagi, solo perché non ci saranno chiusure e quarantene preventive di intere classi.

Su quale altare stiamo per vedere sacrificati i nostri figli? Su quello delle piste da sci e della stagione sciistica da aprire il più presto possibile? Spero di sbagliarmi, anche se trovare altre spiegazioni plausibili è difficile sinceramente.
Chiariamoci, non sono affatto una negazionista, mi rendo conto che i servizi sanitari sono al collasso, credo però che ciò non dipenda dalla apertura o chiusura della scuola primaria e dell’infanzia ma da altri fattori, sui quali la scienza si è già ampiamente espressa.

Quindi rinnovo il mio appello accorato: per favore non chiudete le scuole, i bambini sono il nostro futuro, non facciamo loro del male inutilmente. L’impatto sull’istruzione e sulla socializzazione dei nostri figli creerà un danno economico e sociale duraturo nel futuro, probabilmente ben maggiore di quello attuale.

Livia Mobili

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

13 commenti su “Non chiudete le scuole!”

    • Approvo in pieno!
      Aggiungo che purtroppo sono già chiuse le superiori e le seconde e terze medie, senza neanche quel minimo di presenza che il precedente DPCM aveva “concesso” ai liceali, e grazie al quale riuscivano a vedersi e a fare le verifiche in classe una volta a settimana.
      Vorremmo tanto vedere un piano per il rientro almeno parziale (e magari sarebbe una buona occasione per far valere l’autonomia seriamente)

    • Pienamente d’accordo con lei. Anch’io mamma di una bambina di 1°elementare. Mia figlia è rientrata a scuola da un giorno, dopo 1 mese di quarantena. Trovo veramente assurda la scelta di chiudere le scuole. Speriamo nella coscienza di chi decide x noi.

  • Approvo totalmente, brava Livia!
    E condivido il parere di Alberto sulla necessita’ di un piano di rientro, almeno parziale, per i ragazzi di medie e superiori. Francia, Germania, UK, Irlanda hanno tutte deciso di mantenere le scuole aperte durante il loro secondo lockdown. Diamo alla scuola la giusta priorita’ e non sacrifichiamo i ragazzi a causa della nostra disorganizzazione (vedi il problema dei trasporti pubblici).

  • Sono pienamente d’accordo con questa mamma e condivido totalmente ciò che ha scritto, chiudere la scuola è una scelta che non ha senso e che dimostra totale insensibilità e incapacità di guardare al futuro dei nostri bambini

  • Sono pienamente d’accordo con quanto scritto da questa mamma, mi unisco all’appello e anzi mi auguro, come Alberto e Rita, che possano rientrare al più presto anche i ragazzi più grandi, nessuna DAD può sostituire la scuola, soprattutto in questa situazione.
    NON CHIUDETE LE SCUOLE!
    Grazie.

  • Assolutamente d’accordo. I danni della chiusura delle scuole , anche per i più grandi, sono e saranno tanti. Non si tratta di sacrificarsi per qualche settimana, sappiamo tutti che i tempi per uscire dalla crisi saranno lunghi. Per favore trovate soluzioni più lungimiranti.

  • PAOLA SCIACQUA says:

    Condivido pienamente anch’io quanto scritto da Livia e, in qualità di mamma di un liceale, aggiungo che se già gli adolescenti fanno fatica a rinunciare alla scuola in presenza, a maggior ragione i più piccoli per i quali il contatto con i coetanei e le maestre è fondamentale.
    SCUOLE APERTE

  • elisa buratto says:

    ciò che scrive Livia è il pensiero corrente in Valle e fuori Valle ma io, da mamma, ritengo che sia prioritario salvaguardare la salute dei nostri figli con una sospensione temporanea delle attività didattiche che limiti i danni, per poi poter tornare in presenza in tutta sicurezza, seguiamo le regole….

  • Sono d’accordo .
    La dad purtroppo mostra grossi limiti anche con gli alunni delle scuole medie e superiori, nella primaria è del tutto fallimentare; i più piccoli subiscono i danni più gravi

Commenta questo articolo