Per le scuole medie di Valtournenche si va verso la progettazione definitiva

Il Consiglio comunale ha assunto le determinazioni per approvare il progetto di fattibilità di demolizione e ricostruzione "ex novo" della scuola in frazione Crétaz, grazie a 2,8 milioni di euro di fondi Pnrr. Ora si potrà avviare la progettazione definitiva. La consegna della nuova struttura è prevista per il 2026.
La scuola media di Valtournenche in frazione Crétaz
Comuni

La questione risale al 2019, mentre nel 2020 era arrivata anche una proposta di partnership pubblico privato. Poi, lo scorso maggio, l’occasione di accedere ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Ieri, il Consiglio comunale di Valtournenche ha assunto le determinazioni necessarie per approvare il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la demolizione e costruzione ex novo della scuola media in frazione Crétaz.

L’attività è stata ammessa a finanziamento all’interno della Missione Rivoluzione verde e transizione ecologica del Pnrr, che punta sull’efficienza energetica, la riqualificazione degli edifici e – è questo il caso – la costruzione di nuove in sostituzione di quelli vecchi. La cifra ammonta a 2,8 milioni di euro.

In aula, l’assessora ai Servizi scolastici e socio-educativi Elisa Cicco ha spiegato che ora si potrà avviare la progettazione definitiva – condivisa con dirigente e insegnanti –, cui seguirà la demolizione dell’edificio esistente e l’avvio del cantiere, aggiudicato a seguito della procedura di gara. La previsione è che il nuovo edificio, come regola Pnrr vuole, sia consegnato nel 2026.

Il Consiglio comunale di Valtournenche
Il Consiglio comunale di Valtournenche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte