Caro energia e ricadute occupazionali: Cisl e Uil chiedono vertice istituzionale

Le funzioni pubbliche dei due sindacati vogliono capire se “saranno rinnovati i contratti a tempo determinato”, se “verranno banditi concorsi per i posti vacanti”, se si intende “utilizzare graduatorie vigenti”, o se saranno “assegnate mansioni superiori a lavoratori”.
Palazzo regionale
Lavoro

Le Funzioni Pubbliche della Cisl e della Uil chiedono un incontro urgente al Presidente della Regione, a quello del Celva, al Sindaco del Comune di Aosta e al Direttore generale dell’Ausl, “con l’obiettivo di approfondire – si legge in una nota congiunta diffusa oggi, venerdì 18 marzo – e conoscere le problematiche relative agli aumenti legati al caro energia che, inevitabilmente, stanno ricadendo pesantemente sui bilanci degli enti”.

La preoccupazione delle due organizzazioni sindacali è “capire se questi aumenti potrebbero determinare ricadute occupazionali, e più precisamente se “saranno rinnovati i contratti a tempo determinato”, se “verranno banditi concorsi per coprire i posti vacanti”, se “si intende utilizzare graduatorie vigenti”, o se “verranno assegnate mansioni superiori a lavoratori, con quali criteri e modalità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte