Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 29 Gennaio 2021 16:23

Associazione di servizi, anche il Comune di Nus costituirà ambito a sé

Nus - La decisione, all'unanimità, è stata presa in Consiglio comunale. Il Sindaco Rosset: "L’ambito non è altro che la veste naturale, e quindi orientata nel senso di consentire l’autonomia e l’esistenza stessa dell’ente, che conserva la propria indipendenza”.

Municipio NusMunicipio Nus

Dopo la scelta di Valtournenche – all’opposto di quanto fatto, ad esempio, da Courmayeur – il Comune di Nus ha deciso – con l’unanimità in Consiglio – di costituire ambito ottimale a sé e non associarsi con altri comuni.

Decisione dall’iter travagliato: il Consiglio comunale di Nus nel giugno 2020 aveva infatti rescisso la convenzione con i Comuni di Fénis e Saint-Marcel data la carenza di personale amministrativo che non consentiva il perseguimento degli obiettivi della legge. Comuni che ne avevano preso atto a luglio, confermando tuttavia la volontà di proseguire il percorso intrapreso nel 2015.

Ora, il Comune di Nus si è invece trovato a dover prendere atto del fatto che i sindaci di Fénis e Saint-Marcel – si legge in una nota dell’Amministrazione –, per motivi storico-culturali, hanno manifestato la volontà di non confermare l’ambito in essere ma di individuare come ambito ottimale quello fra i loro Comuni, richiedendo però di mantenere l’esercizio delle funzioni in convenzione con Nus come allo stato attuale, a eccezione della figura del segretario comunale.

Comune di Nus che ritiene, invece, questa decisione in contrasto con lo spirito della legge e ricorda che portare a compimento la riorganizzazione nella distribuzione dei servizi e del personale all’interno dell’ambito, nel secondo semestre 2020, ha richiesto un lavoro importante ma ha permesso di ottenere i benefici auspicati dalla norma regionale sotto il profilo funzionale se non economico.

Un’evidente contraddizione – prosegue il comunicato – nel voler creare due ambiti pur riconoscendo che, per il funzionamento ottimale, i servizi devono essere convenzionati sui tre comuni del precedente ambito unico. Rispettando tuttavia la preoccupazione emergente dagli altri territori, relativa a un presunto eccessivo accentramento dei servizi nel Comune di Nus, vengono rinviate a successivi provvedimenti le convenzioni da stipulare con l’ambito ottimale Fénis-Saint-Marcel.

Il sindaco Camillo Rosset ha commentato: “L’ambito non è altro che la veste naturale, e quindi orientata nel senso di consentire l’autonomia e l’esistenza stessa dell’ente, che conserva la propria indipendenza”. Il segretario ha specificato che gli uffici dei tre Comuni non sono favorevoli alla separazione dell’ambito, dopo aver lavorato per cinque anni alla costruzione di un lavoro organico di squadra. La divisione sicuramente genererà alcune situazioni di difficoltà, dovute al fatto che non potrà più essere una gestione univoca ma vi saranno due distinti responsabili nei procedimenti portati avanti dagli stessi uffici.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo