Crisi politica, Forza Italia: “Gli interessi dei partiti anteposti a quelli dei valdostani”

A dirlo il coordinamento regionale di Forza Italia: "La maggioranza a 18 instabile era e instabile rimarrà. L'unico nostro auspicio, a questo punto, è che ci si metta finalmente a lavorare, e anche sodo, sui dossier di interesse strategico per il futuro della Valle d'Aosta. La ricreazione è finita”.
Emily Rini
Politica

“Coloro che due mesi fa aprirono ufficialmente la crisi di maggioranza al grido di ‘non si può governare a 18‘, oggi sono gli stessi ad averla chiusa con la convinzione che ‘si può governare a 18‘. Basterebbe già solo questo elemento per definire quantomeno surreale quello che sta accadendo in Consiglio Valle, la cui attività da un anno a questa parte è stata fortemente ingessata, al limite dell’immobilismo, in un momento storico nel quale bisognerebbe invece correre veloci per ottenere e spendere bene sul territorio i fondi straordinari del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”.

A scriverlo, in una nota, il coordinamento regionale di Forza Italia Valle d’Aosta, a commento degli ultimi sviluppi della crisi in Consiglio Valle, ovvero dopo la decisione del Conseil Fédéral dell’Union Valdotaine, ieri sera, di proseguire con la maggioranza regionale a 18.

“Come Forza Italia – scrive il coordinamento azzurro – già da tempo avevamo avanzato la nostra proposta per risolvere l’instabilità politica e per garantire alla Valle d’Aosta un governo di legislatura, ma evidentemente gli interessi dei partiti sono stati anteposti a quelli della Valle d’Aosta e dei valdostani, come peraltro ammesso candidamente da qualcuno ieri sera”.

Dalla direzione presa ieri dall’Union, però, emerge anche dell’altro: “due chiari dati politici – aggiunge Forza Italia, colpendo il cerchio unionista e la botte leghista – la maggioranza a 18 instabile era e instabile rimarrà e coloro che dall’opposizione hanno tentato un’improbabile fuga in avanti, convinti che ‘da soli è meglio’, sono finiti per essere clamorosamente respinti dopo essersi fatti andare bene tutte le condizioni”.

“L’unico nostro auspicio, a questo punto, è che ci si metta finalmente a lavorare, e anche sodo, sui dossier di interesse strategico per il futuro della Valle d’Aosta, poiché le Regioni a noi limitrofe stanno già mettendo a terra i fondi del Pnrr, mentre sul nostro territorio si è ancora fermi alla discussione sulle modalità più consone per partecipare ai bandi di finanziamento, anche da parte degli enti locali. La ricreazione è finita”, chiude la nota del coordinamento forzista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica